Tratto dallo speciale:

Superbonus e Sismabonus: al via obbligo di invio ENEA

di Redazione PMI.it

scritto il

Ecobonus o Sismabonus 110%: al via obbligo di invio della pratica all'ENEA, come già previsto per la riqualificazione energetica degli edifici.

In vigore i nuovi adempimenti anti-frode nell’ambito delle detrazioni fiscali per interventi edilizi, previsti dal Decreto PNRR 2, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.100 di sabato 30 aprile 2022. In particolare, diventa obbligatorio l’invio all’ENEA dei lavori eseguiti, per ottenere poi l’accesso ai bonus edilizi al 110%.

L’Articolo 24 del Decreto in GU prevede infatti che, per valutare ai fini degli obiettivi del PNRR l’effettivo risparmio energetico conseguito con gli interventi  rientranti nell’Ecobonus e Sismabonus 110%, in analogia a quanto già previsto in materia di detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici, siano trasmesse per via telematica all’ENEA le informazioni sugli interventi effettuati.

=> Ecobonus 2022: il portale per invio dati ENEA

Invece, la relazione sui dati elaborati andrà trasmessa al Ministero della Transizione Ecologica anziché allo Sviluppo Economico. A sua volta, infatti, l’ENEA elabora le informazioni pervenute e redige una relazione sui risultati degli interventi effettuati, inviandola ai ministeri MiTE ed Economia, ed alle Regioni e Province autonome, nell’ambito delle rispettive competenze territoriali.

L’obiettivo finale è dunque quello di potenziare il sistema di monitoraggio dell’efficientamento energetico incentivato dai bonus edilizi così da garantire il raggiungimento degli obiettivi del PNRR (Missione 2, Componente 3, Investimento 2.1).