Tratto dallo speciale:

Compensazioni crediti per imprese ai nastri di partenza

di Francesca Vinciarelli

scritto il

In via di emanazione il decreto interministeriale (MiSE-MEF) per la compensazione dei crediti vantati nei confronti della PA.

In via di emanazione il decreto interministeriale che consentirà alle imprese che vantano crediti con la PA di di portare in compensazione tutte le somme iscritte a ruolo senza alcuna distinzione. Si tratta di una delle novità introdotte dal Dl 145/2014 (Destinazione Italia) la cui scadenza era stata fissata dal Destinazione Italia oltre tre mesi fa. Ora sembra che il Ministero delle Sviluppo Economico e il Ministero dell’Economia e delle Finanze stiano finalmente per emanare il decreto attuativo, almeno stando a quanto annunciato dal ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, in audizione alla Camera:

«Entro pochissimi giorni il MiSE e il MEF procederanno alla sottoscrizione e pubblicazione del testo».

=> Certificazione crediti PA fino al 31 ottobre

Il ministro ha poi spiegato i motivi del ritardo:

«L’elaborazione del decreto ha richiesto un’approfondita e complessa attività istruttoria che ha coinvolto più soggetti, tra cui, oltre agli uffici del MiSE, il Dipartimento delle Finanze, il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, l’Agenzia delle Sntrate e la società Equitalia Spa e che si è conclusa solo il mese scorso».

=> Guida del Ministero alla certificazione dei crediti PA

Una volta emanato il decreto le imprese che vantano crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione di importo uguale o superiore a quanto dovuto al Fisco, potranno portare in compensazione le somme iscritte a ruolo.