Poseidone 2: in arrivo 150mila lettere INPS anti-evasione per i professionisti

di Noemi Ricci

scritto il

Prosegue l'attività di controllo sulle evasioni fiscali da parte dei contribuenti: con il programma Poseidone 2 - frutto della collaborazione tra Agenzia delle Entrate, Infocamere e INPS - nel mirino ci sono 150mila liberi professionisti

Continua la lotta all’evasione fiscale messa in atto dall’Agenzia delle Entrate con il controllo incrociato tra dichiarazioni dei redditi ed elenchi Infocamere: 150mila liberi professionisti riceveranno presto dall’INPS una comunicazione di verifica della loro posizione contributiva.

Si tratta di contribuenti non iscritti alla Gestione separata e con un reddito dichiarato compreso fra i 5mila e i 20mila euro nel 2006, o superiore ai 5mila euro nel 2004 o nel 2005.

I controlli riguardano anche l’attività svolta dai soci di società non iscritti ad alcuna gestione previdenziale. In particolare, sotto la lente del Fisco c’è il lavoro abitualmente compiuto con prevalenza di svolgimento di attività commerciale.

Prende così il via la fase operativa del progetto anti-evasione contributiva denominato “Poseidone 2“: nel mirino, quest’anno, in totale circa 120mila professionisti e 450mila soci, dai quali si prevede possano essere recuperati oltre 6 miliardi di contributi evasi (1 miliardo in più dello scorso anno).

Ma i progetti per il 2010 non finiscono qui: la fase sperimentale di “Poseidone 2” mira infatti a portare nuovi iscritti all’INPS, così come già avvenuto con “Poseidone 1” nel 2009 (oltre 20mila nuovi iscritti, 7mila nella Gestione commercianti e 13mila nella Gestione separata).

Per quanto riguarda i soci di società semplici che hanno dichiarato di svolgere prevalentemente un’attività commerciale, sono stati circa 28mila (su 40mila controllati) ad aver ricevuto una lettera di per l’iscrizione all’INPS. Da questo tipo di operazione si attende un recupero di circa 100 milioni di euro.