Studi di settore, nuovi ingressi nel regime premiale

di Barbara Weisz

scritto il

L'Agenzia delle Entrate ammette altri 26 Studi di Settore al regime premiale, che coinvolge quindi 116 studi per un totale di 1 milione e mezzo di contribuenti: eccoli tutti.

In aumento gli Studi di Settore che, dal periodo d’imposta 2013, hanno accesso al regime premiale introdotto dal Salva Italia (Dl 201/2011, articolo 10, commi 9-13): l’Agenzia delle Entrate, con provvedimento del 25 giugno, porta a 116 (dai precedenti 90) gli studi che possono avvalersene. Si amplia così la platea di contribuenti “premiati”, che sfiora il milione e mezzo di professionisti.

=> Vai allo Speciale Studi di Settore

Il regime premiale

Il sistema premiale comporta misure compliance fiscale per i contribuenti che dichiarano ricavi pari o superiori a quelli previsti dagli studi della propria categoria: niente accertamenti basati su presunzioni semplici e termini per l’attività di accertamento ridotti di un anno, determinazione sintetica del reddito (Redditometro) ammessa solo per scostamenti di almeno un terzo rispetto a quanto dichiarato. Queste misure, che dal 2012 sono state applicate a un numero sempre maggiore di studi, secondo le stime della Sose (società supporta l’amministrazione finanziaria nell’applicazione degli studi), hanno prodotto ottimi risultati: imprese e professionisti interessati hanno dichiarato circa 1,8 miliardi di ricavi e 815 milioni di reddito in più.

Gli Studi ammessi

Sono studi per i quali sono approvati indicatori di coerenza economica riferibili ad almeno quattro diverse tipologie tra le seguenti: efficienza e produttività del fattore lavoro, efficienza e produttività del fattore capitale, efficienza e gestione delle scorte, redditività, struttura:

  • UG98U: riparazione di beni di consumo nca.
  • VD05U: produzione e conservazione di carne.
  • VD11U: produzione di olio di oliva e di semi.
  • VD15U: trattamento igienico e confezionamento di latte e derivati.
  • VD17U: fabbricazione di prodotti in gomma e plastica.
  • VD22U: fabbricazione di apparecchiature per illuminazione, di lampade elettriche ed insegne luminose.
  • VD23U: laboratori di corniciai.
  • VD25U: concia delle pelli e del cuoio.
  • VD29U: produzione di calcestruzzo e di altri prodotti per l’edilizia.
  • VD30U: recupero e preparazione per riciclaggio e commercio all’ingrosso di rottami metallici.
  • VD31U: fabbricazione di saponi, detersivi, profumi e oli essenziali.
  • VD36U: fusione di metalli, prima trasformazione del ferro e dell’acciaio.
  • VD37U: costruzione e riparazione di imbarcazioni.
  • VD39U: fabbricazione di coloranti, pitture, vernici.
  • VD40U: fabbricazione di motori, generatori ed altri apparecchi elettrici.
  • VD41U: fabbricazione e riparazione di macchine e attrezzature per ufficio.
  • VD42U: fabbricazione e riparazione di elementi per ottica.
  • VD43U: fabbricazione di apparecchi medicali e protesi.
  • VD44U: fabbricazione di accessori per autoveicoli, motoveicoli e biciclette.
  • VD45U: lavorazione di tè e commercio all’ingrosso di caffè.
  • VD46U: fabbricazione di prodotti chimici.
  • VD49U: fabbricazione di materassi.
  • VG36U: servizi di ristorazione commerciale.
  • VG38U: riparazione di calzature e di altri articoli in pelle, cuoio o in altri materiali simili.
  • VG52U: confezionamento di generi alimentari e non.
  • VG76U: servizi di ristorazione collettiva.
  • VG79U: noleggio di autovetture ed altri mezzi di trasporto terrestre.
  • VG85U: discoteche, sale da ballo, night club e scuole di danza.
  • VG89U: servizi di fotocopiatura, preparazione di documenti e altre attività di supporto.
  • WD01U: produzione dolciaria.
  • WD02U: produzione di paste alimentari.
  • WD06U: fabbricazione di ricami.
  • WD07A: fabbricazione di articoli di calzetteria.
  • WD07B: confezione ed accessori per abbigliamento.
  • WD08U: fabbricazione di calzature, parti e accessori.
  • WD10U: confezione di biancheria.
  • WD12U: produzione e commercio al dettaglio di prodotti di panetteria.
  • WD13U: nobilitazione dei tessili.
  • WD14U: produzione tessile.
  • WD18U: fabbricazione di prodotti in ceramica e terracotta.
  • WD34U: fabbricazione e riparazione di protesi dentarie.
  • WG37U: bar, gelaterie e pasticcerie.
  • WG44U: strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere.
  • WM01U: commercio al dettaglio di alimentari.

Studi con indicatori di coerenza economica riferibili ad almeno tre delle tipologie sopra indicate, e che comprendono anche l’indicatore “Indice di copertura del costo per il godimento di beni di terzi e degli ammortamenti“. Eccoli:

  • UM87U: commercio al dettaglio di altri prodotti nca.
  • UM88U: commercio all’ingrosso di altri prodotti nca.
  • VG40U: locazione, valorizzazione, compravendita di beni immobili.
  • VG46U: riparazione di trattori agricoli.
  • VG48U: riparazione di elettrodomestici e di prodotti di consumo audio e video.
  • VG53U: servizi linguistici e organizzazione di convegni e fiere (per l’attività di impresa).
  • VG54U: sale giochi e biliardi, gestione di apparecchi automatici da intrattenimento.
  • VG68U: trasporto di merci su strada e servizi di trasloco.
  • VG78U: attività delle agenzie di viaggio e turismo e dei tour operator.
  • VG81U: noleggio di macchine e attrezzature per l’edilizia.
  • VG88U: autoscuole, scuole nautiche e agenzie di disbrigo pratiche.
  • VG90U: esercizio della pesca e attività connesse.
  • VG95U: servizi dei centri per il benessere fisico e stabilimenti termali.
  • VM11U: commercio all’ingrosso e al dettaglio di ferramenta ed utensileria, termoidraulica, legname, materiali da costruzione, piastrelle, pavimenti e prodotti vernicianti.
  • VM12U: commercio al dettaglio di libri nuovi in esercizi specializzati.
  • VM13U: commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici.
  • VM17U: commercio all’ingrosso di cereali, legumi secchi e sementi.
  • VM23U: commercio all’ingrosso di medicinali, di articoli medicali e ortopedici.
  • VM24U: commercio all’ingrosso di carta, cartone e articoli di cartoleria.
  • VM31U: commercio all’ingrosso di orologi e gioielleria.
  • VM33U: commercio all’ingrosso di cuoio, pelli e pellicce.
  • VM34U: commercio all’ingrosso di calzature, pelletterie e articoli da viaggio.
  • VM36U: commercio all’ingrosso di libri, riviste e giornali.
  • VM37U: commercio all’ingrosso di saponi, detersivi, profumi e cosmetici.
  • VM39U: commercio al dettaglio di combustibili per uso domestico e per riscaldamento.
  • VM40B: commercio al dettaglio ambulante di fiori e piante.
  • VM41U: commercio all’ingrosso di macchine e attrezzature per ufficio.
  • VM42U: commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici.
  • VM43U: commercio all’ingrosso e al dettaglio di macchine e attrezzature agricole e per il giardinaggio.
  • VM44U: commercio al dettaglio di macchine e attrezzature per ufficio.
  • VM45U: commercio al dettaglio mobili usati e oggetti di antiquariato.
  • VM46U: commercio all’ingrosso di articoli per fotografia, cinematografia, ottica e strumenti scientifici.
  • VM48U: commercio al dettaglio di piccoli animali domestici.
  • VM80U: commercio al dettaglio di carburanti per autotrazione.
  • VM82U: commercio all’ingrosso di metalli.
  • VM83U: commercio all’ingrosso di prodotti chimici.
  • VM84U: commercio all’ingrosso di macchine utensili.
  • VM85U: commercio al dettaglio di prodotti del tabacco.
  • VM86U: commercio effettuato per mezzo di distributori automatici.
  • WG67U: tintorie e lavanderie.
  • WG74U: attività fotografiche (per l’attività di impresa).
  • WK21U: attività degli studi odontoiatrici (per l’attività di impresa).
  • WM02U: commercio al dettaglio di carni.
  • WM03A: commercio al dettaglio ambulante di alimentari e bevande.
  • WM03B: commercio al dettaglio ambulante di tessuti, articoli tessili per la casa, articoli di abbigliamento.
  • WM03C: commercio al dettaglio ambulante di mobili e altri articoli nca.
  • WM03D: commercio al dettaglio ambulante di calzature e pelletterie.
  • WM04U: farmacie.
  • WM05U: commercio ad dettaglio di abbigliamento, calzature, pelletterie e accessori.
  • WM07U: commercio al dettaglio di filati per maglieria e di merceria.
  • WM15A: commercio al dettaglio e riparazione di orologi e gioielli.
  • WM27A: commercio al dettaglio di frutta e verdura.
  • WM27B: commercio al dettaglio di pesci, crostacei e molluschi.
  • WM28U: commercio al dettaglio di tessuti, tappeti e biancheria per la casa.
  • WM40A: commercio al dettaglio di fiori e piante.

Studi di settore che presentano almeno tre delle tipologie di indicatori sopra citate e riguardano attività economiche per le quali è stimata, sulla base della relazione finale su “Economia non osservata e flussi finanziari“, una percentuale di valore aggiunto prodotta dal sommerso inferiore a quella, sempre riferito al sommerso, del totale dell’economia. Eccoli:

  • VD03U: molitoria dei cereali.
  • VD04B: segagione, frantumazione e lavorazione artistica del marmo e pietre affini.
  • VD09A: fabbricazione di mobili, poltrone e divani, porte e finestre in legno.
  • VD09B: lavorazione del legno.
  • VD16U: confezione su misura di vestiario.
  • VD19U: fabbricazione di porte e finestre in metallo, tende da sole.
  • VD20U: fabbricazione e lavorazione di prodotti in metallo.
  • VD21U: fabbricazione e confezionamento di occhiali comuni e da vista.
  • VD24U: confezione e commercio al dettaglio di articoli in pelliccia.
  • VD26U: confezione di vestiario in pelle.
  • VD27U: fabbricazione di articoli da viaggio, borse, marocchineria e selleria.
  • VD28U: fabbricazione, lavorazione e trasformazione del vetro.
  • VD32U: fabbricazione, installazione e riparazione di macchine e apparecchi meccanici.
  • VD33U: produzione e lavorazione di oggetti di gioielleria ed oreficeria.
  • VD35U: editoria, prestampa, stampa e legatoria.
  • VD38U: fabbricazione di mobili metallici per uffici e negozi.
  • VD47U: fabbricazione di articoli in carta e cartone.

26 giugno 2014