Tratto dallo speciale:

Scarto fattura elettronica: liquidazione IVA e nuovo invio

di Redazione PMI.it

scritto il

Termini, istruzioni e modalità di invio della fattura elettronica in caso di scarto da parte di SdI in prossimità delle scadenze IVA.

In caso di errori che comportino lo scarto da parte del Sistema di Interscambio (SdI), la fattura elettronica si considera come non emessa.

Per rimediare, ed effettuare un nuovo invio, si hanno cinque giorni di tempo. Tuttavia, va prestata particolare attenzione in caso di ricezione della notifica di scarto del SdI in prossimità della liquidazione IVA, per evitare l’applicazione delle sanzioni previste dalla normativa vigente.

Per capire come comportarsi in caso di scarto fattura elettronica è necessario fare riferimento alla circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 13/E/2018.

Scarto e-fattura

In caso di scarto della fattura elettronica già registrata dal contribuente, questi dovrà provvedere ad effettuare una variazione contabile ai soli fini interni, senza la trasmissione di alcuna nota di variazione al SdI.

La fattura elettronica scartata dovrà invece essere inviata nuovamente al SdI entro il termine di cinque giorni dalla data di notifica dello scarto, indicando la stessa data e numero del documento originario.

Se questo non è possibile, l’Agenzia delle Entrate suggerisce di:

  • emettere una fattura con nuovo numero e data coerenti con gli ulteriori documenti emessi nel tempo trascorso dal primo inoltro tramite SdI, per la quale risulti un collegamento alla precedente fattura scartata da SdI e successivamente stornata con variazione contabile interna al fine di render evidente la tempestività della fattura stessa rispetto all’operazione che documenta;
  • emettere una fattura come sopra riportato, ricorrendo ad una specifica numerazione che, nel rispetto della sua progressività, faccia emergere che si tratta di un documento rettificativo di quello scartato da SdI (ad esempio: n. 1/R a fronte di un n.1 scartato).

=> Guida E-fattura: errori e soluzioni caso per caso

Imputazione IVA

In caso di scarto di una fattura elettronica trasmessa in prossimità del termine per la liquidazione IVA, per la corretta imputazione dell’imposta, la fattura dovrà essere conteggiata nell’IVA vendite del mese in cui è datata la fattura stessa.

Questo vale sia in presenza di scarto da parte del SdI che nel caso in cui non sia stato ancora recapitato l’esito della trasmissione da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Sanzioni

In generale, i titolari di partita IVA hanno tempo fino al termine di liquidazione IVA per l’emissione della fattura. Fino a luglio (settembre per i contribuenti mensili) però, per consentire ad imprese e professionisti di prendere confidenza con il nuovo obbligo di fattura elettronica, è stata introdotta dal Decreto n. 119/2918 una sorta di “moratoria”.

Questa consente di emettere fattura elettronica entro la liquidazione del mese successivo beneficiando della riduzione al 20% della sanzione prevista dall’articolo 6 del Decreto Legislativo n. 471/97, che prevede il versamento di una somma che va dal 90% al 180% dell’imposta relativa all’operazione nel caso di ritardo di fatturazione delle operazioni.

Tale riduzione non si applica in caso di omesso o irregolare versamento IVA, la cui sanzione è regolata dall’articolo 13 del Decreto Legislativo n. 471/97 ed è pari al 30% dell’imposta (sanabile con ravvedimento operoso).