Il Crowdfunding secondo ING Direct

di Alessia Valentini

scritto il

Prendi parte al cambiamento: al via la piattaforma di Crowdfunding di ING Direct, che premia con 100mila euro il miglior progetto innovativo ideato da una start up: requisiti e linee guida.

ING Direct offre il proprio contributo alla causa del cambiamento e dell’innovazione nel nostro Paese: la campagna “Prendi parte al cambiamento” – che premia con 100mila euro il miglior progetto innovativo ideato da una start up – è la nuova iniziativa italiana  di Crowdfunding.

Si tratta di un tema caro a PMI.it, che ha già seguito il debutto di starteed, boomstarter, Kapipal ed Eppela.

Il Crowdfunding è uno strumento emergente in Italia e dalle grandi potenzialità:

=>Scopri il Crowdfunding: social financing per progetti in rete

Anche la nuova iniziativa di ING, come per tutte le altre piattaforme di Crowdfunding, utilizza i social network – in questo caso Facebook – per veicolare il messaggio del progetto e acquisire nuovi sostenitori, che possono votare l’iniziativa preferita.

I progetti selezionati (3-4 alla volta) saranno presentati (6 minuti + 15 di Q&A) durante i tre “Storming Pizza” – eventi di condivisione e discussione, per proporre spunti su nuove idee di business innovative – il 18 Ottobre a Roma, il 22 Novembre a Torino e l’11 Dicembre a Milano: è bene ricordare che, nonostante il tono informale, gli eventi sono professionali e si configurano come ottime occasioni per farsi finanziare uno start up.

Ecco le linee guida di ING per gli aspiranti imprenditori che “vogliono fare colpo” presentando la  propria idea di business:

  • dire subito come si chiama il progetto e fornire una breve descrizione del founder;
  • è importante far emergere da quale esigenza nasce l’idea, qual è il bisogno che si vuole soddisfare e la soluzione proposta;
  • descrivere l’idea di business: come si pensa di guadagnare, qual è la value proposition e in cosa ci si differenzia da eventuali competitor;
  • evidenziare il mercato in cui ci si vuole inserire e il target a cui è rivolto il progetto;
  • dare evidenza della composizione del team, compreso un breve CV per ciascuno;
  • fornire un’idea degli step di finanziamento necessari: se e quanto è stato raccolto e  quanto serve per raggiungere gli obiettivi finali;
  • qualche numero è sempre utile: costi, spese, guadagni e così via.

L’ultimo giudizio sui progetti in gara spetta alla giuria tecnica, che individua il vincitore sulla base dei criteri di selezione.

Il Progetto può riguardare qualunque settore legato all’utilizzo delle nuove tecnologie, con particolare riguardo per le iniziative che combinano Web, Digital e New Media con elementi distintivi delle eccellenze imprenditoriali e creative dell’Italia.  Le categorie di partecipazione son: Arte e Cultura, Moda e Design, Cucina e Alimentazione, Ambiente e Sociale, Formazione e Informazione.

Chiunque voglia visionare i progetti in corso può accedere alle pagine dedicate sul sito ING Direct  e ovviamente votare quello preferito.

I Video di PMI

Equity Crowdfunding: come investire in una start-up