Le fasi finali del progetto

di Marco Altese

scritto il

Dopo tutte le verifiche ed i test, la messa in esercizio è la vera "prova del 9" della riuscita del progetto in cui il committente approva definitivamente l'opera e il team può festeggiare... quasi sempre

In questo articolo esaminiamo gli step conclusivi del ciclo di vita di un progetto. Ne abbiamo accennato in un articolo precedente ma qui analizziamo più in detaglio le fasi di Deployment e di Post-Deployment.

La Fase di Deployment

Dal punto di vista del Project Manager, la fase di Deployment prevede, in linea di massima, un numero di attività leggermente minore, rispetto alle altri fasi in cui egli stesso è, invece, fortemente coinvolto. L’obiettivo principale della fase di Deployment è quello di fornire il prodotto finito al cliente, attraverso una consegna che può consistere in un supporto di tipo hardware, come un semplice CD o DVD o, nel caso di applicazioni più complesse (come quelle di tipo “distribuito”), nell’installazione su più server dedicati.

Sarà cura del cliente, decidere se approvare o meno il contenuto della consegna prima di procedere alla installazione massiva del prodotto. Nella malaugurata ipotesi in cui sorgessero delle problematiche legate alla consegna del prodotto, sarà importante intervenire tempestivamente e comprendere le ragioni che hanno causato il rifiuto da parte del cliente.

Durante la fase di Deployment hanno inizio, parallelamente, anche le attività di training che coinvolgono il cliente nell’apprendimento sull’utilizzo del prodotto in tutte le sue caratteristiche e funzionalità.

Talvolta la fase di Deployment può coinvolgere un gran numero di postazioni o server (si pensi, ad esempio, ad un progetto che gestisca gli sportelli di una Banca, situati in più città o regioni). In tal caso, per maggiore sicurezza, il Project Manager potrà disporre di effettuare il deployment in maniera graduale sul territorio, verificando di volta in volta che non siano sorti problemi.

La fase di Post-Deployment

Come già detto in un articolo precedente, la fase di Post-Deployment non sempre, purtroppo, viene presa nella dovuta considerazione. Troppo spesso, infatti, si commette l’errore di considerare chiuso un progetto al termine della fase di Deployment. In linea teorica, se tutto andasse alla perfezione, una simile scelta potrebbe anche essere plausibile ma, restando con i piedi ben fissati per terra, sarà bene mettere in conto che nella stragrande maggioranza dei casi si rende sempre necessario un periodo, più o meno lungo, di consolidamento del prodotto consegnato al cliente.

In particolare, potrebbe sorgere l’esigenza che il Project Manager ed il suo team siano coinvolti nel fornire supporto ai vari gruppi impegnati nel prestare consulenza diretta al cliente, come il customer service, e il team delle Operations. Sarà opportuno, pertanto, prevedere degli incontri settimanali con i vari membri di questi team per analizzare i dati statistici relativi alle richieste di supporto pervenute dal cliente, evidenziando le aree ed i problemi più critici. Una volta identificate le anomalie, sarà possibile fissare, direttamente con il cliente, un calendario di rilasci che di volta in volta portino un valore aggiunto al prodotto.

Naturalmente, di pari passo con le patch, andranno aggiornati anche i manuali utente e le eventuali guide on line, previste per il progetto.

Infine, ma con eguale livello di importanza, la fase di Post-Deployment dovrà servire per monitorare i livelli di performance del prodotto e verificare che questi siano alla stregua di quanto pattuito con il cliente in fase di Planning e di quanto verificato durante la precedente fase di testing. Il problema delle performance rappresenta uno dei punti dove più spesso è necessario intervenire; sarà affidata all’abilità del Project Manager una saggia pianificazione delle risorse in maniera da poter conciliare le attività di Post-Deployment con i nuovi task su cui il team potrebbe già aver iniziato a lavorare.

Anche se non fa parte delle attività puramente tecniche o manageriali, crediamo sia doveroso fare menzione, come circostanza finale di ogni progetto (di successo), di un momento di celebrazione che coinvolga tutte le persone che hanno contribuito alla riuscita del progetto stesso. Il rapporto umano, all’interno di un team, rimane un aspetto fondamentale che un buon Project Manager dovrà sempre tenere in alta considerazione.