Tratto dallo speciale:

Chip WiMax, per Fujitsu un mercato in ascesa

di Noemi Ricci

scritto il

Fujitsu getta una luce poitiva sul mercato WiMax,. stimando per il 2011 616 milioni di euro di ricavi sulle vendite di michrochip

Il WiMax, è noto, rappresenta il futuro delle connessioni Internet, con potenzialità di connessione ben superiori al Wi-Fi ed un iter di diffusione sul ormai avviato: si stima, infatti, che il numero di utenti del WiMax di Usa, Giappone, Brasile, Russia, India, Cina, Asia e parte dell’Europa raggiunga quota 50 milioni entro il 2012.

Sono numerosi, dunque, i player dell’industria IT e Tlc che si mostrano entusiasti di stare al passo coi tempi, coscienti delle opportunità di business legate a questo nascente mercato.

Tra questi, segnaliamo anche colossi come Fujitsu che, in occasione della fiera mondiale dell’Elettronica Computex, ha annunciato previsioni di sviluppo significative, pari a circa 616 milioni di euro di ricavi stimati per il 2011, grazie proprio alle vendite di michrochip WiMax.

Ricordiamo che il lancio commerciale del servizio WiMax è previsto nel 2008 stesso a Taiwan, in Giappone arriverà invece nel 2009.

In Europa e Italia il decollo non avverrà sicuramente prima di quella data, forse anche più in là. ma gli esperti sono unanimi nel riconoscere le forti potenzialità che piccoli e grandi imprese che si lanceranno in questa arena competitiva.

L’ottimismo di Fujitsu deriverebbe dalla sicurezza che l’efficienza e i bassi consumi dei propri chip per la comunicazione, fattori cruciali per tutti i dispositivi wireless, trainino anche le vendite dei semiconduttori prodotti appositamente per il WiMax. Uno scenario che,m si suppone, si replicherà anche tra numerosi altri produttori, a beneficio del mercato e degli utenti finali.