Tratto dallo speciale:

Survey 2019: ecco l’agenda dei CEO italiani

di Barbara Weisz

scritto il

Dirigenti d'azienda: nonostante le incertezze geopolitiche, si prosegue guardando all'efficienza e all'espansione e scommettendo sulle nuove tecnologie.

Efficienza operativa, crescita organica e lancio di nuovi prodotti sono le strategie alle quali ricorreranno i CEO per aumentare la redditività della propria impresa in questo 2019.

Sono alcune delle evidenze della Annual Global CEO Survey di PWC (Upskilling, Intelligenza Artificiale e Data Analytics al centro dell’Agenda dei CEO italiani), che quest’anno però registra un calo di fiducia tra amministratori delegati mondiali e italiani.

In particolare, i dirigenti italiani sono fra i più pessimisti a livello internazionale. E’ sceso al 70% (dal 90% dell’anno scorso) il numero dei CEO italiani che vedono una crescita delle proprie imprese a 12 mesi, all’84% (dal precedente 94%) le stime positive a 3 anni.


Quanto alle strategie di crescita, al primo posto l’efficienza operativa (70% Italia e 77% mondo), seguita da crescita organica (Italia 54% nel 2019 contro 78% nel 2018, mondo 72% nel 2019 da 79% 2018), lancio di nuovi prodotti (46% Italia e 62% mondo), ingresso in un nuovo mercato, nuove operazioni, alleanze strategiche, collaborazioni con imprese o startup.

=> Ghezzi, Infocamere: PMI e digitale volano della crescita

L’infrastruttura digitale deve garantire dati di business completi e affidabili. I più rilevanti: preferenze ed esigenze dei clienti (88%), brand e reputazione azienda (85%), previsioni e proiezioni finanziarie (82%), performance competitor (81%).

I CEO italiani ritengono però, in molti casi, che il sistema di reporting non fornisca dati adeguati. In questo senso gli elementi di maggior criticità sono l’impossibilità di accedere a dati rilevanti o l’incapacità di analizzare la mole eccessiva di dati a disposizione.

La tecnologia del futuro è l’intelligenza artificiale, destinata a rivoluzionare il modo di gestire il business nei prossimi cinque anni secondo il 73% dei CEO italiani e l’84% internazionali. C’è anche una netta maggioranza internazionale, 62%, secondo cui l’impatto dell’AI sarà superiore a quello di Internet. (la percentuale scende al 48% in Italia). Detto questo, il livello di effettiva adozione in azienda è basso: il 77% delle imprese italiane non ha ancora implementato soluzioni.

Tema competenze prioritarie: il 55% dei CEO italiani si dichiara attento alla “disponibilità di competenze chiave”, il 65% fatica a trovare nuovi talenti, il 58% punta sulla formazione interna.

Evidenze chiave

  • I CEO lavorano riconsiderano il tema del right sizing industriale per avere maggiore agilità industriale.
  • JV e alleanze strategiche presentano un profilo di rischio inferiore rispetto alle acquisizioni.
  • Molti CEO di medie aziende pensano alle aggregazioni per presentarsi più competitivi di fronte alle sfide globali.
  • USA, Germania e Cina continuano i mercati più interessanti per i CEO italiani.
  • Dati di business al centro dell’agenda dei CEO: di natura economico-finanziaria, su clienti, brand, reputazione, processi di R&S.
  • Focus di medio periodo: upskilling delle risorse e nuovi talenti per colmare il gap di competenze.
  • AI: sarà il Game Changer dei prossimi 5 anni, una vera sfida soprattutto per le PMI italiane.

Per approfondimenti: scarica il Focus Italia del Report. 

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso