Rating: Moody’s declassa aziende italiane pubbliche e private

di Redazione PMI.it

scritto il

Downgrade per Unicredit, Intesa, Eni, Enel, Finmeccanica, Terna, Poste, Cdp, Basilicata, Lombardia, Liguria, Marche, Umbria, Toscana, Veneto, Milano, Firenze, Torino, Trento e Bolzano, Civitavecchia, Napoli, Venezia, Siena, Finlombarda, CassaTrentino

Taglio rating di Moody’s per aziende italiane (banche e utility) ed enti locali. Dopo il downgrade del debito sovrano, l’agenzia declassa molte delle principali aziende italiane del settore pubblico e privato: banche, gruppi industriali, Regioni, Province e Comuni. Come da copione dopo S&P, la bocciatura è arrivata per Unicredit e Intesa (entrambe ad A2), Eni (A1), Enel S.p.A. (A3), Finmeccanica (Baa2), Terna (A3), Poste Italiane (A2) e Cassa depositi e prestiti, regioni Basilicata, Liguria, Lombardia, Marche, Umbria, Toscana e Veneto, province di Bolzano, Firenze, Milano, Torino e Trento, le città di Milano, Venezia e Siena, Finlombarda SpA, Cassa del Trentino.

L’unico gruppo salvatosi dalla è stato Generali, il cui rating è stato confermato pur se con outlook rivisto da stabile a negativo.

Per quanto riguarda le amministrazioni locali, ad essere “meno” penalizzate sono state le province autonome di Trento e Bolzano e la Cassa del Trentino (Aa3), e poi la Regione Lombardia (A1) e provincia di Rieti (A3). Seguono regioni Piemonte (A3), Puglia (A3), Sardegna (A3), Sicilia (A3) e città di Firenze (A3).

Va peggio per le regioni Basilicata, Liguria, Marche, Umbria, Toscana e Veneto, le province di Milano, Firenze e Torino, le città di Milano, Venezia e Siena e Finlombarda SpA (tutte Aa2). Ancora di più per le regioni Abruzzo (Baa1), Calabria (Baa2), Campania (Baa2), Lazio (Baa2), Molise (Baa1), città di Napoli (Baa3) e Civitavecchia (Baa1).

I Video di PMI