Tratto dallo speciale:

Pensioni autonomi: assegni familiari ridotti

di Francesca Vinciarelli

scritto il

La richiesta di equiparare gli assegni familiari per i pensionati con figli a carico dei lavoratori dipendenti e degli autonomi.

Gli assegni familiari concessi ai lavoratori autonomi in pensione sono talmente bassi da rasentare lo scandalo, soprattutto se paragonati a quelli degli ex dipendenti. Stiamo parlando dell’irrisoria cifra di 10 euro e 21 centesimi al mese per ogni familiare a carico. Importo che, tra l’altro, è fermo dal 1988 quando è entrata in vigore la legge 153: 27 anni fa. A fronte di questa analisi l’ANAP-Confartigianato chiede al Parlamento e al Governo di porre fine alla discriminazione tra lavoratori autonomi e dipendenti, equiparando gli importi degli assegni familiari riconosciuti ai pensionati con figli a carico.

=> Pensioni: requisiti INPS per l’assegno familiare

Franco Filice, vice presidente nazionale dell’ANAP, spiega:

«La legge 153 del 1988, istituendo l’assegno per il nucleo familiare, ne ha circoscritto purtroppo l’applicazione ai soli pensionati provenienti dal lavoro dipendente. Per i pensionati provenienti dal lavoro autonomo (ex artigiani, ex commercianti, ex coltivatori diretti) è rimasta invece in vigore la vecchia normativa e i trattamenti di famiglia a loro erogati, quando ne hanno diritto, si chiamano “quote di maggiorazione della pensione” per carichi familiari».

Il presidente ANAP, Giampaolo Palazzi, aggiunge:

«Tale discriminazione è particolarmente odiosa dal momento che si parla di famiglie di pensionati con redditi molto bassi. L’ANAP e le altre organizzazioni dei pensionati del mondo del lavoro autonomo, anche attraverso il CUPLA, si battono da tempo per far approvare dal Parlamento una modifica della legislazione esistente che parifichi tutti i pensionati, indipendentemente dall’attività professionale svolta nella vita attiva. Tale azione proseguirà anche se, finora, si è ottenuto solamente la presentazione di proposte di legge che poi non sono giunte all’approvazione conclusiva».

=> Lavoro accessorio, maternità e assegni familiari

La richiesta è quindi modificare l’attuale legislazione equiparando i diritti di tutti i pensionati, autonomi e dipendenti.