La CdC bolognese sostiene l’internazionalizzazione

di Marianna Di Iorio

scritto il

La Camera di Commercio di Bologna ha istituito un bando pubblico per sostenere le PMI che intendono accedere ai mercati esteri

Per permettere alle piccole e medie imprese bolognesi di accedere ai mercati esteri, la Camera di Commercio di Bologna, attraverso la pubblicazione di un bando, ha promosso una nuova iniziativa di sostegno.

«L’obiettivo che ci siamo dati è stato quello di individuare le spese che l’internazionalizzazione comporta per una piccola e media impresa. Fatta questa analisi abbiamo creato una nuova linea di contributi che includesse concretamente tutti i costi più frequenti e impegnativi», ha così commentato Gian Carlo Sangalli, presidente della Camera di Commercio.

In particolare, il contributo si rivolge alle PMI che sono attive al momento della presentazione della domanda e che abbiano sede legale nella provincia di Bologna, regolarmente denunciata all’Ufficio Registro delle Imprese di Bologna.

Sono ammissibili esclusivamente le spese sostenute per la realizzazione del programma di internazionalizzazione. In dettaglio, tra i progetti che potranno essere finanziati rientrano:

  • la realizzazione e stampa di materiale promozionale bilingue o in lingua straniera;
  • la protezione del marchio internazionale;
  • la certificazione di prodotti validi per l’estero;
  • la pubblicità dell’impresa su media esteri.

Per poter accedere ai contributi, le imprese dovranno sostenere una spesa di almeno 6 mila euro. Le domande di partecipazione al bando dovranno pervenire entro il 31 maggio di ogni anno e saranno esaminate da un’apposita Commissione, nominata dalla Giunta camerale.