Tratto dallo speciale:

Contributi INPS: 350 imprese venete non li versano

di Teresa Barone

scritto il

Otre 350 PMI venete non hanno versato i contributi INPS nel 2012, mentre continua a crescere il lavoro nero e la richiesta di ore di Cig.

La crisi economica continua ad avere pesanti ripercussioni sulle imprese venete, sia per quanto riguarda l’aumento del lavoro nero e della richiesta di ore di cassa integrazione, sia limitando notevolmente il versamento dei contributi all’INPS.

=> Lavoro: istruzioni INPS per contributi e voucher maternità

Una situazione illustrata dai dati diffusi dall’Istituto di Previdenza del Veneto, secondo i quali nel 2012 il numero di imprese che non hanno versato i contributi previsti ammonta a oltre 350.

Franco Piacentini, membro del consiglio dell’INPS Veneto, sottolinea la gravità della situazione in ambito locale focalizzando l’attenzione sulle conseguenze dal punto d vista occupazionale:

«Sia che siano parzialmente o completamente insolute, le aziende possono contattare l’INPS e chiedere una dilazione del versamento in 24 mesi. La situazione di grave crisi potrebbe ripercuotersi sul lavoratore, che potrebbe non vedere riconosciuti i mesi di lavoro di cui non sono stati versati i contributi, se non è in possesso delle buste paga e del libretto di lavoro. Quello che giunge da questi dati è un grido di allarme importante e la politica non può non raccoglierlo».

=> Voucher Lavoro 2013: attività con tetto a 2mila euro

A subire un sensibile incremento, inoltre, è l’utilizzo dei voucher destinati ai lavoratori soprattutto a carico della PA e dei Comuni in particolare (da 38.511 si è passati, nel 2012, a 79.802), come anche il lavoro nero in ambito regionale soprattutto in ambito edile e con protagonista la mano d’opera straniera: l’incremento di irregolarità riscontrare grazie alle ispezioni INPS è pari al 36,26%.

=> Leggi tutte le news per le PMI del Veneto

I Video di PMI

Consultazione dei sussidi di disoccupazione INPS