Usura: a Roma i tassi più alti

di Teresa Barone

scritto il

Alla Capitale spetta il triste primato di Provincia italiana con il maggior numero di casi di usura: vittime sono soprattutto le attività commerciali, i pubblici esercizi e le botteghe artigiane.

Un’indagine condotta dalla Confesercenti, in collaborazione con SoS Impresa,  e presentata nel corso del convegno “No Usura Day” ha dimostrato come Roma si sia guadagnata il triste primato di città italiana con il più alto tasso di usura.

Se a livello regionale l’usura risulta maggiormente localizzata in Lombardia (si parla di importi totali dei protesti fino a 192 milioni di euro, contro i 187 milioni di euro del Lazio), a livello provinciale la Capitale è seguita da Milano, Napoli e Caserta.

=> Fisco, credito e pagamenti: le piaghe delle PMI

A Roma, quindi, si concentra la maggior parte di casi di usura stimati in ambito provinciale, e proprio in città è presente la casistica più ricca per quanto concerne le varie modalità attraverso le quali operano gli stessi usurai, come si legge in una nota:

«Roma, in particolare, è da decenni il luogo per eccellenza dell’usura, una pratica che può essere fatta risalire agli inizi della sua storia. Nella Capitale si riescono a trovare tutte le fenomenologie fino ad oggi note del sistema: dal singolo usuraio al pensionato al libero professionista, alle bande di quartiere».

Per Marco Venturi, presidente della Confesercenti nazionale, l’obiettivo del “No Usura day” è quello di richiamare l’attenzione del Parlamento e della politica, ma anche dell’opinione pubblica, sul dramma dei cittadini e delle imprese vittime dell’usura, fenomeno che colpisce per il 60% le attività commerciali, i pubblici esercizi e le botteghe artigiane.

=> Leggi tutte le news per le PMI del Lazio