Garanzia Giovani, lavoro entro sei mesi

di Barbara Weisz

scritto il

Un giovane su tre trova lavoro dopo un mese, uno su due entro sei mesi, strumento più usato il tirocinio : rapporto ISFOL su Garanzia Giovani.

Un giovane su tre (il 34,5%) trova lavoro un mese dopo aver concluso il percorso Garanzia Giovani, mentre la percentuale sfiora il 40% dopo due mesi (39,7%) e raggiunge il 43,8% a distanza di sei mesi: lo rileva l’ultimo Rapporto sulla Garanzia Giovani in Italia dell’ISFOL, che registra un incremento dell’occupazione dell’8% tra gli iscritti al programma ed un intervento per oltre 250mila giovani, il 40% dei quali presi n carico dai servizi.

=> Garanzia Giovani 2016: gli incentivi per chi assume

Lo strumento più utilizzato di Garanzia Giovani è il tirocinio extra-curriculare, scelto dal 64% degli iscritti. Il tasso di  inserimento passa dal 19,6% a un mese dalla conclusione del tirocinio al 27,5% dopi sei mesi, comportando  un  incremento in termini relativi del 40,6%.

Seguono accompagnamento al lavoro 11,2%, bonus 10,5%, formazione per l’inserimento lavorativo 6,8%, quella per il reinserimento 4,3%. Solo lo 0,4% prende iniziative di autoimpiego.

=> Super bonus assunzione giovani: Guida alla domanda

La Garanzia Giovani è operativa dal 2014, sulla base di una Raccomandazione UE del 2013, estendendo l’iniziativa ai Neet fino a 29 anni. La percentuale di occupati aumenta con il salire dell’età e del titolo di studio. Interessanti le differenze territoriali fra profili di occupabilità: sposandosi verso Sud si svuotano le classi centrali (indice fra 40 e 60) mentre salgono quelle con indici più alti, che denotano maggior difficoltà di inserimento nel mercato del lavoro.

Il 39% dei giovani iscritti ha conosciuto il Programma grazie al passa parola, il 24% attraverso centri per l’impiego, agenzie per il lavoro e centri per l’orientamento e il lavoro, il 19,4% grazie al Web, social network e New Media.

Soddisfazione per i risultati raggiunti è stata espressa dal ministero del Lavoro, Giuliano Poletti, e da Stefano Sacchi, Commissario straordinario ISFOL, che rileva un miglioramento progressivo per «tutti gli indicatori del monitoraggio, da quelli che descrivono gli aspetti organizzativi fino a quelli che riguardano gli esiti occupazionali».