Tratto dallo speciale:

Nuovo contratto unico: indeterminato ma in prova per tre anni

di Barbara Weisz

scritto il

Entro il 14 marzo il governo presenterà la Riforma del Lavoro Renzi: le prime ipotesi prevedono sussidio di disoccupazione universale per due anni e nuovi contratti di lavoro, che riformano gli attuali ma senza abolirli.

È iniziato il conto alla rovescia per la nuova Riforma del Lavoro: in attesa della presentazione entro il 14 marzo, si sono svolti i primi vertici fra i ministri competenti – Giuliano Poletti (Lavoro), Pier Carlo Padoan (Economia) e Graziano Del Rio (vicepremier) – e si sono precisati i contorni della nuova indennità di disoccupazione universale previsto dal Jobs Act, mentre i tecnici del Governo sono al lavoro per definire le caratteristiche del contratto unico a tutele crescenti e nuove politiche attive per accorciare i tempi di inoccupazione tra un impiego e l’altro, favorendo l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro.

=> Riforma Lavoro: Jobs Act verso il contratto unico

Contratto Unico

L’ipotesi è quella prevista dal Jobs Act: contratto a tempo indeterminato a tutele progressive, ossia senza la protezione dell’articolo 18 (reintegro) per il primo periodo di assunzione. In pratica, è come se l’attuale periodo di prova, in genere di pochi mesi, fosse esteso a qualche anno, per dare al datore di lavoro il tempo di valutare il rapporto costi/benefici dell’assunzione garantendo però alla fine un contratto stabile al dipendente. Al momento si parla di tre anni.

Altri contratti

E le altre forme contrattuali oggi utilizzate? Si parla di contratto unico a tempo indeterminato ma a conti fatti sembra più una riforma di quello attuale, visto che non soltanto rimarrà anche il contratto a tempo determinato – si ipotizza per i contratti a termine una estensione a 36 mesi del periodo di assunzione senza causale (attualmente un anno) – ma rimarrà anche quello da co.co.pro. A confermarlo è la riforma degli ammortizzatori sociali allo studio, che per l’appunto medita di estendere il sussidio di disoccupazione anche a queste figure.

=> Vai allo Speciale sui contratti di lavoro

Ammortizzatori sociali

Si pensa di garantire un trattamento massimo di due anni anche ai collaboratori a progetto. Per questo scopo servono 9,5 miliardi che teoricamente ci sarebbero: l’ipotesi è di sommare ai 7,1 mld già erogati per ASPI e Mini ASPI i 2,4 mld per gli ammortizzatori in deroga visto che, nonostante la Legge Fornero li preveda fino al 2018, sarebbero sostituiti dal nuovo sussidio. In pratica resterebbe la cassa integrazione ordinaria (destinata a sostenere le aziende in difficoltà con un piano per uscire dalla crisi), mentre verrebbe ridotta la cig in deroga (magari attraverso un meccanismo graduale). Su questo punto si servirà un confronto con le parti sociali, sindacati in primis. Ricordiamo che all‘attuale ASPI hanno diritto i dipendenti anche a tempo determinato per 12-18 mensilità a seconda dell’anzianità lavorativa. I co.co.pro non vi accedono ma percepiscono indennità in base a contributi versati e ai minimali annui (massimo 6mila euro per sei mesi di lavoro).