Bonus Trasporti 60 euro per i mezzi pubblici rifinanziato: come fare domanda

di Alessandra Gualtieri

scritto il

Bonus Trasporti 2022 rifinanziato dal DL Aiuti ter: come richiedere il voucher fino a 60 euro per abbonamento al trasporto pubblico e con quali scadenze.

Rifinanziato il Bonus Trasporti fino a 60 euro per le persone fisiche, istituito dal Decreto Aiuti (DL 35/2022) come misura di Governo contro il caro prezzi: il Decreto Aiuti ter, appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale, incrementa di altri 10 milioni di euro il fondo il contributo per l’acquisto, entro dicembre 2022, di un abbonamento ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale o ai servizi di trasporto ferroviario nazionale.

Il buono è riservato ai cittadini con reddito personale fino a 35mila euro (ma non serve l’ISEE) ed ogni singolo voucher è pari ad un massimo di 60 euro, fruibile da ciascun avente diritto per una sola volta, compresi i minori fiscalmente a carico (con richiesta inviata da un genitore).

Vediamo quali sono i requisiti e le istruzioni per fare domanda di voucher, anche alla luce delle FAQ ministeriali.

Bonus Trasporti: come funziona

Il Bonus Trasporti copre fino al 100% della spesa sostenuta da ogni singolo beneficiario – entro il valore massimo di 60 euro – per l’acquisto entro il 31 dicembre 2022 di un abbonamento ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale oppure per i servizi di trasporto ferroviario nazionale.

Il Bonus è nominativo e utilizzabile per un singolo abbonamento (che può essere annuale ma anche mensile o per più mensilità) da acquistare nel mese solare in cui si è richiesto e ottenuto (anche se parte, ad esempio, dal mese successivo).

Sono esclusi i servizi di prima classe, executive, business, club executive, salotto, premium, working area e business salottino.

Ciascun beneficiario potrà chiedere un Bonus Trasporti nominativo al mese, entro il 31 dicembre 2022 o fino a esaurimento risorse. Dal momento che l’importo massimo fruibile è pari a 60 euro, significa che è possibile spendere per intero la somma per acquistare ad esempio un solo abbonamento di lunga durata (o parte di esso), oppure si può frazionare la somma fino all’occorrenza dei 60 euro, ad esempio per due abbonamenti mensili.

Beneficiari del Buono Trasporti

Si tratta di una misura che non richiede requisiti ISEE ma che spetta unicamente alle persone fisiche che, nell’anno 2021, abbiano dichiarato un reddito complessivo non superiore a 35mila euro. Sono ammessi anche i minori fiscalmente a carico, con richiesta inoltrata da parte del genitore.

Come fare domanda per il Bonus Trasporti

Le domande per il Bonus Trasporti si inviano dal 1° settembre al 31 dicembre 2022, esclusivamente online tramite SPID di secondo livello o CIE (Carta d’identità elettronica) dalla pagina web bonustrasporti.lavoro.gov.it.

Nella domanda bisogna indicare l’importo del Bonus Trasporti che si richiede a copertura della spesa da sostenere, specificando il gestore del servizio di trasporto pubblico al quale si intende sottoporre il voucher per l’acquisto dell’abbonamento.

Senza questa indicazione specifica del gestore dei servizi  non è possibile completare la richiesta del Bonus Trasporti. Le società di trasporto convenzionate (che alla biglietteria accettano il Buono Trasporti) sono quelle indicate nella lista online sul sito ufficiale, suddivisi per operatori di trasporto pubblico locale attivi e non attivi per il Bonus.

In fase di domanda, bisogna fornire le dichiarazioni sostitutive per l’autocertificazione dei requisiti (a titolo personale o per conto di un minore). Per quanto concerne il reddito complessivo 2021 (non superiore a 35.000 euro), nel caso in cui il beneficiario sia minore, il requisito deve riguardare il minore e non il richiedente.

N.B.: l’accesso alla piattaforma consente di richiedere un solo buono alla volta, per sé stesso o per un figlio minore fiscalmente a carico. Eventuali ulteriori richieste comportano un nuovo accesso.

Come si utilizza il Bonus Trasporti 2022

Il buono trasporti è emesso tramite il Portale, è contrassegnato da un codice identificativo univoco, dal codice fiscale del beneficiario, dall’importo spettante e dalla data di emissione e scadenza. Se non viene speso oltre tale data, viene annullato e non può comunque più essere richiesto.

Il voucher è spendibile presso un solo gestore, entro il mese di emissione dell’abbonamento mensile o annuale del servizio TPL, presentandolo alla biglietteria al momento dell’acquisto (da validare tramite portale ufficiale). A quel punto, viene rilasciato l’abbonamento richiesto e il gestore registra l’utilizzo del buono, indicandone l’importo effettivo.

La misura, pensata per sostenere le persone economicamente più fragili in un momento difficile come quello attuale, è anche un’occasione per incentivare l’uso del trasporto pubblico locale ma soprattutto vuole essere un sostegno per studenti, lavoratori, pensionati e per tutti quei cittadini che utilizzano il trasporto pubblico su gomma e ferro.