Tratto dallo speciale:

Minimi stipendio e contributi 2021 per la pensione

di Redazione PMI.it

scritto il

Limite minimo di retribuzione e altri valori per il calcolo dei contributi INPS in materia di previdenza e assistenza sociale: tabelle INPS per dipendenti.

Fissati minimali e massimali per l’accredito della contribuzione INPS dei dipendenti pubblici e privati: nel 2021, per le 52 settimane ai fini della pensione, serve una retribuzione annua minima di 10.724 euro. Il trattamento minimo di pensione resta infatti pari a 515,58 euro, con un limite di retribuzione di 206,23 euro a settimana. Ai fini contributivi, invece, si considera una retribuzione minima di 1.273,48 euro (il minimale da assumere quale base di calcolo, anche qualora lo stipendio dia inferiore).

=> Contributi per la pensione minima

L’aggiornamento è illustrato nella Circolare 10/2021 (Determinazione per l’anno 2021 del limite minimo di retribuzione giornaliera ed aggiornamento degli altri valori per il calcolo di tutte le contribuzioni dovute in materia di previdenza ed assistenza sociale per la generalità dei lavoratori dipendenti), che conferma per quest’anno i medesimi valori 2020, perché l’inflazione (variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo) negativa non ha comportato rivalutazioni.

Di conseguenza, si confermano tutti i minimali che si applicano dal primo gennaio:

  • trattamento minimo lavoratori dipendenti: 515,58;
  • minimale di retribuzione giornaliera: 48,98;
  • minimale lavoratori part-time: se il contratto di riferimento prevede un orario pieno di 40 ore settimanale, il minimale orario per i lavoratori part-time è pari a 7,35 euro, se invece l’orario pieno è di 36 ore settimanali, il minimale orario 2020 è pari a 6,80 euro.

Nelle tabelle A e B (Allegato n. 1) sono riportati i limiti di retribuzione giornaliera rivalutati, per il periodo di paga in corso al 1° gennaio 2021. Tali limiti devono essere ragguagliati ad un minimo di 48,98 euro (9,5% del trattamento minimo mensile di pensione a carico del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, che a sua volta è pari a 515,58 euro al mese) se di importo inferiore.

Anno 2021 Euro
Minimo mensile di pensione 515,58
Minimale retribuzione giornaliera 48,98
Retribuzione giornaliera minima 27,21

Altri importi

Il massimale annuo contributivo e pensionabile è pari a 103.055,00 euro annui. Per i direttori generali, amministrativi e sanitari è invece pari a 187.854 euro.

L’importo minimo dell’indennità di maternità obbligatoria è pari a 2.143,05. Il tetto massimo della retribuzione per congedo straordinario e relativi contributi è fissato a 48.738,00 euro.

La circolare INPS dettaglia anche gli importi per altre categorie di lavoratori (fondo volo, marittimi, lavoratori domestici, spettacolo e sport, dirigenti pubblici).

I Video di PMI