SISTRI, tutto da rifare: nuovo sistema nel 2015

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Le novità sul SISTRI contenute nel Decreto Competitività, dalla proroga alla gara europea per la gestione del sistema finora affidata a Selex Finmeccanica.

Novità in tema di SISTRI: il decreto Competitività ha prorogato il SISTRI fino al 31 dicembre 2015 e a partire dal prossimo 30 novembre 2014 Selex Service Management, società del gruppo Finmeccanica incaricata nel 2009 di realizzare il sistema di tracciabilità dei rifiuti, interromperà la gestione del SISTRI in coincidenza con la scadenza contrattuale.

=> SISTRI 2014: novità e approfondimenti

Selex abbandona SISTRI

Una decisione che è stata presa dall’azienda e comunicata direttamente al ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti con la motivazione di non voler subire nuovi danni alla propria immagine oltre a quelli già subiti nel corso di questi anni in cui il SISTRI non è riuscito a decollare nonostante l’azienda abbia “eseguito correttamente e diligentemente” le diverse previsioni contrattuali. Nella lettera la ministro Selex si dichiara disposta ad arrivare al 30 novembre:

“A fronte di un’offerta limitata di servizi, tale da minimizzare i costi ed i danni a proprio carico e di consentire comunque al Dicastero, committente di Selex Service Management in base al contratto di affidamento del SISTRI, di effettuare tempestive ed adeguate comunicazioni agli utenti sulle modalità operative nelle fasi successive alla cessazione del servizio”.

=> SISTRI, la bocciatura senza appello delle PMI

Gara europea

In realtà nel decreto Competitività il Governo aveva già previsto di sostituire la gestione Selex avviando entro il 30 giugno 2015 una gara per l’affidamento della concessione del servizio, in maniera rispetto del “Codice appalti” (Dlgs 163/2006), delle norme UE di settore e dei principi di “economicità, semplificazione, interoperabilità tra sistemi informatici e costante aggiornamento tecnologico”. Dunque il rinnovo del contratto Selex sarebbe stato solo provvisorio, ma l’azienda non è interessata a tale proroga.

=> SISTRI, il Governo apre alle modifiche

Semplificazioni SISTRI

Intanto però il Ministero dell’Ambiente è chiamato a provvedere ad ulteriori semplificazioni del SISTRI, in relazione all’applicazione dell’interoperabilità e alla sostituzione dei dispositivi token usb (articolo 14 del Decreto Competitività). Finora non è ancora stata approvata alcuna delle numerose semplificazioni proposte dalle imprese del settore, mentre è slittata dal 3 marzo al 31 dicembre 2014 la data entro la quale il Ministero ottimizzerà e semplificherà il SISTRI.

I Video di PMI

Guida al SISTRI