Tratto dallo speciale:

Proroga credito d’imposta per quotazione di PMI: regole e scadenze

di Redazione PMI.it

scritto il

Quotazione PMI: in scadenza le domande di credito d'imposta al 50% sulle spese di consulenza 2020, prorogato l'incentivo con domanda da ottobre 2021.

Anche il Ministero dello Sviluppo Economico ricorda che, per il 2021, è stato prorogato il credito d’imposta al 50% sulle spese di consulenza finalizzate alla quotazione delle PMI sui mercati regolamentati o in sistemi multilaterali di negoziazione di uno degli Stato Membri della UE o dello Spazio Economico Europeo. Con la Legge di Bilancio (art. 1 comma 230, legge 178/2020 ) la misura attiva fin dal 2018 –  Quotazione PMI – è stata prorogata al 31 dicembre 2021. L’obiettivo è quello di rafforzare la patrimonializzazione delle PMI, anche in termini di migliore efficienza organizzativa e gestionale, ancor più sentiti con la crisi Covid ancora in atto.

Il plafond complessivo è pari a 30 milioni di euro. Il tetto massimo di agevolazione per singola PMI è pari a 500mila euro. Le domande si inviano al seguente indirizzo: [email protected]. Per quanto riguarda le scadenze, la domanda si inoltra entro il 31 marzo 2021 per le spese sostenute nel 2020, mentre quelle per l’anno in corso si segnalano dal 1 ottobre 2021 al 31 marzo 2022.

Per quanto concerne requisiti e criteri di accesso, il riferimento normativo è il decreto MiSE 23 aprile 2018 (in Gazzetta Ufficiale n. 139 del 18 giugno 2018). Sono ammissibili le seguenti attività:

  • consulenza in vista della quotazione (su implementazione e adeguamento del sistema di controllo di gestione, assistenza nella redazione del piano industriale, supporto in tutte le fasi del percorso di quotazione);
  • fornite durante la fase di ammissione alla quotazione e finalizzate ad attestarne l’idoneità;
  • necessarie per collocare presso gli investitori le azioni oggetto di quotazione;
  • finalizzate a supportare la società nella revisione delle informazioni finanziarie storiche o prospettiche e nella preparazione di un report, inclusa due diligence finanziaria;
  • assistenza nella redazione del documento di ammissione e del prospetto dei documenti per il collocamento presso investitori qualificati o la produzione di ricerche (come definite nell’articolo 3, comma 1, numeri 34 e 35 del regolamento UE n. 596/2014);
  • riguardanti le questioni legali, fiscali e contrattualistiche inerenti alla quotazione (definizione dell’offerta, disamina del prospetto informativo o documento di ammissione o dei documenti utilizzati per il collocamento presso investitori qualificati, due diligence legale o fiscale e gli aspetti legati al governo dell’impresa);
  • comunicazione atte a offrire visibilità e divulgare l’investment cas, tramite stampa, eventi e presentazioni.