Contributi omessi: imprenditore in carcere

La sentenza con la quale la Cassazione stabilisce quando l'imprenditore, colpevole di omissione contributiva, deve essere condannato alla reclusione.

L’imprenditore che, accusato di omissione contributiva, non versa tutte le rate concordate nel piano di rientro con l’INPS è punibile con il carcere e la pena non può essere convertita in pecuniaria. A stabilirlo è stata la Corte di Cassazione con la sentenza n. 24900/2015.

=> Evasione IRAP senza reato penale

Il caso

Il caso riguardava un imprenditore milanese condannato, in via definitiva, per aver mancato di versare regolarmente i contributi ai propri dipendenti, per un totale di 3 mila euro. Tale debito era stato rateizzato, ma l’imprenditore aveva mancato di versare alcune rate. Condannato alla reclusione, l’imprenditore aveva chiesto che la pena venisse convertita in pecuniaria.

Sentenza Cassazione

Richieste respinte dalla Corte di Cassazione, terza sezione penale, che non ha mancato di sottolineare la gravità già della mancanza iniziale dell’imprenditore: l’omissione contributiva dell’imputato. Ancora più grave la permanenza del debito e il mancato versamento delle rate all’INPS. A nulla è valsa la difesa dell’imprenditore che adduceva uno stato di crisi economico-finanziaria basata però solo sull’intervenuto fallimento dichiarato, tra l’altro, circa sei anni dopo la commissione del reato.

Fonte: Sentenza 24900/2015 Corte di Cassazione.

X
Se vuoi aggiornamenti su Contributi omessi: imprenditore in carcere

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy