IMU-TASI, verso il 16 giugno: le aliquote

Nella maggior parte dei Comuni l'acconto di giugno IMU-TASI si paga con le aliquote 2014, termine ultimo per aliquote 2015 il 23 maggio: regole generali.

Si avvicina la scadenza di giugno per la prima rata IMU-TASI, che al contrario di quanto successo l’anno scorso, in questo 2015 vedrà tutti i proprietari di immobili (e anche chi vive in affitto, per le quote di competenza), passare alla cassa entro il prossimo 16 giugno. Non si ripeterà il caos delibere, a causa del quale l’anno scorso in realtà la prima rata del 16 giugno era stata pagata solo nei Comuni che avevano emesso in tempo il provvedimento attuativo, ed era invece slittata (in ottobre, e in alcuni casi a dicembre) negli altri.

=> IMU-TASI: come richiedere il bollettino precompilato

La IUC è ormai e regime, e le regole sono quindi per tutti quelle fissate dalla normativa (la Legge di Stabilità 2014, commi 639 e seguenti della legge 147/2013). Come è noto, la IUC (imposta unica comunale), comprende IMU, TASI e anche la TARI, l’imposta sui rifiuti. Anche quest’ultima si paga in base a specifiche delibere comunali, le cui scadenze sono però diversificate rispetto a quelle di TASI e IMU, e possono variare anche parecchio da Comune a Comune. Ma concentriamoci sulle imposte sugli immobili, e in particolare su quali sono le aliquote a cui devono fare riferimento i contribuenti.

Innanzitutto, ricordiamo che la TASI va versata sulle prime case, e sostituisce l’IMU, mentre quest’ultima si paga su tutti gli altri immobili. Fanno eccezione le prime case di lusso, di categoria A1, A8 e A9, che pagano sia TASI sia IMU. Le aliquote da tenere in considerazione per l’acconto da versare entro il 16 giugno sono quelle del 2014. Solo nel caso in cui ci sia una delibera 2015, è possibile applicare le nuove aliquote (tenendo conto che potrebbero cambiare, i Comuni hanno tempo fino al 28 ottobre per farlo) .

=> IMU-TASI e TARI ridotte per chi affitta negozi a Belluno

Il saldo di Dicembre invece si pagherà con le nuove aliquote 2015, facendo iul relativo conguaglio. Un utile strumento per capire la situazione delle delibere del Comune è rappresentato dal sito del Dipartimento delle Finanze, che presenta tutte le delibere aggiornate (clicca qui).

Comunque sia, la regola fondamentale resta quella degli scorsi anni: ogni contribuente deve verificare la delibera del proprio Comune (spesso, il sito internet dell’amministrazione ha pagine dedicate all’adempimento, con specchietti riassuntivi, aliquote, riferimenti delle delibere e via dicendo).

Ricordiamo che l’aliquota base della TASI va dall’1 al 2,5 per mille, la somma TASI + IMU non può mai superare l’1,06%. Ogni Comune può aggiungere uno 0,8 per mille alle prime case o agli altri immobili, o spalmarla sulle due voci (ad esempio, 0,4 per mille sulla prima casa e analoga percentuale agli altri immobili).

Il pagamento va effettuato come l’anno scorso, con F24 o bollettino postale. Non è ancora chiaro cosa succederà ai famosi bollettini precompilati, ma al momento sembra proprio che in molti comuni non arriveranno.

 

X
Se vuoi aggiornamenti su IMU-TASI, verso il 16 giugno: le aliquote

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy