IMU TASI: come richiedere il bollettino precompilato

di Chiara Basciano

scritto il

I bollettini IMU e TASI precompilati non verranno inviati a tutti i contribuenti: ecco come farne richiesta.

I Comuni non invieranno alcun bollettino precompilato per il versamento di TASI e IMU, almenno non in automatico. I contribuenti però hanno la facoltà di richiederlo, così da non dover calcolare da soli l’imposta dovuta. Ricordiamo che, come recentemente precisato dall’IFEL (Fondazione per la finanza locale dell’ANCI) tanto l’IMU che la TASI devono essere autoliquidate dai contribuenti, i quali dovrebbero calcolare autonomamente l’importo dell’imposta da versare entro la scadenza del prossimo 16 giugno.

=> TASI 2015: acconto da calcolare, niente bollettino

Richiesta bollettino precompilato

La Legge di Stabilità 2013, comma 688, tuttavia prevede che:

“A decorrere dall’anno 2015, i Comuni assicurano la massima semplificazione degli adempimenti dei contribuenti rendendo disponibili i modelli di pagamento preventivamente compilati su loro richiesta, ovvero procedendo autonomamente all’invio degli stessi modelli”.

Dunque ai contribuenti viene lasciata la facoltà di fare richiesta al Comune tanto del bollettino TASI quanto di quello IMU, contenente l’importo corretto dell’imposta dovuta per l’anno 2015, semplicemente recandosi all’ufficio competente.

=> IMU 2015: approfondimenti e novità

Delibere mancanti

Ricordiamo che in molti Comuni non ci sono delibere 2015, ma comunque anche nel caso in cui fossero approvato il contribuente può sempre pagare l’acconto 2015 con le aliquote dello scorso anno, facendo poi il conguaglio a dicembre. I Comuni hanno tempo fino al 28 ottobre per deliberare le nuove aliquote e i contribuenti potranno effettuare i dovuti conguagli, o richiedere i rimborsi, in fase di saldo IMU e TASI prevista per il 16 dicembre.