Tratto dallo speciale:

Studio professionale: investimenti ICT per l’efficienza

di Barbara Weisz

scritto il

Consigli dei Consulenti del Lavoro per lo studio professionale 2.0: gestionali, software organizzativi, sito web, investimenti ICT per migliorare il servizio al cliente.

Tecnologie per la fatturazione elettronica verso la PA, conservazione digitale dei documenti, software organizzativi e gestionali, portali e siti web: sono alcune degli investimenti ICT per migliorare l’efficienza di uno studio professionale secondo i Consulenti del Lavoro. Il tema è affrontato nell’Approfondimento della Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro del 9 marzo 2015. Contiene alcune indicazioni specifiche per il settore di pertinenza, e altre che invece riguardano in generale il modo in cui l’utilizzo delle tecnologie può incrementare efficienza e produttività di qualsiasi studio professionale.

=> Tecnologie e business: budget condivisi per innovare l’azienda

Alcuni dati: secondo l’indagine Osservatorio ICT & Professionisti del Politecnico di Milano 2015, e quelli dell‘Indagine sui Fabbisogni delle PMI dei Consulenti del Lavoro 2014, l’attuale approccio agli investimenti ICT è relativamente limitato (circa 6300 euro annui) e soprattutto concentrato spesso sull’aggiornamento dell’esistente, mentre l’innovazione hardware e software riguarda solo il 26% dei casi. Quest’ultima è comunque una percentuale superiore al 18% di investimenti ICT delle PMI.

=>Sviluppo PMI: Innovazione, Export e Green Tech

I clienti degli studi si dichiarano in grande maggioranza (81%) soddisfatti dei servizi offerti, ma apprezzerebbero poter affiancare ai tradizionali servizi, ad esempio in ambito amministrativo, anche consulenze rivolte all’area strategica e gestionale. Secondo i Consulenti del Lavoro «l’innegabile calo di redditività che ha colpito molti Studi potrebbe essere limitato e gestito anche grazie ad un più esteso e puntuale ricorso all’ICT, che favorisca la generazione di valore, l’aumento della produttività e lo sviluppo di nuove aree di business».

=> Come gestire un database clienti per area geografica

Per quanto riguarda più nel dettaglio la professione di Consulente del Lavoro, si rileva che questi professionisti, soprattutto verso micro e piccole aziende, «non si limitano all’offerta di consulenza e servizi, ma entrano in presa diretta nel sistema-impresa e nella condivisione dei passaggi più significativi della gestione imprenditoriale, costruendo stabili rapporti fiduciari con l’imprenditore» e «non sono più dei semplici fornitori, ma diventano parte integrante dell’attività imprenditoriale», godendo di una fiducia presso gli imprenditori che «può essere anche un utile strumento per stimolare le imprese a evolvere verso modelli gestionali più efficienti, nei quali la tecnologia può giocare un ruolo chiave».

Ed ecco i consigli su come migliorare l’efficienza dello studio professionale investendo in tecnologie:

  • sistemi e software per programmazione e controllo avanzamento dei processi operativi, monitoraggio e gestione delle scadenze, controlli di qualità;
  • sistemi e software per controllo di gestione e valutazione della redditività di servizi e clienti: secondo le indagini di settore, solo una ridotta percentuale di Studi professionali attua con regolarità rilevazione e controllo di tempi e carichi di lavoro o predispone un budget annuale servendosene per orientare la gestione e attribuire obiettivi individuali o di team;
  • portali o spazi WEB per la trasmissione di informazioni (ad esempio la rilegazione delle presenze), documenti (come i cedolini paga) o la condivisione di attività con clienti e studi collegati in rete territoriale: qui si segnala l’esperienza degli studi di consulenza del lavoro che hanno adottato procedure automatiche di acquisizione delle presenze da parte delle aziende clienti, portando a una riduzione dei tempi legata a questa fase lavorativa oscillante fra il 30 ed il 50%;
  • CRM (sistemi per la relazione con il cliente).

=> Come è composto un sistema per CRM

(Fonte: approfondimento Fondazione Studi Consulenti del Lavoro del 9 marzo 2015)