Microsoft, Adobe e Google: tempo di aggiornamenti

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Arriva il Patch Day di marzo Microsoft, con tre bollettini di sicurezza per otto vulnerabilità, mentre Adobe rilascia l'atteso Acrobat Reader 9.1 e Google presenta l'anteprima di Chrome 2.0.169.0

È Microsoft ad aprire le danze degli aggiornamenti con il Patch day di Marzo: tre patch per otto vulnerabilità, seppure rimanga ancora scoperta la grave falla evidenziata in Excel. Adobe rilascia puntuale Acrobat Reader 9.1, correggendo così una grave vulnerabilità a rischio exploit, mentre Google presenta la test build di Chrome 2.0.169.0.

Il Microsoft Security Bulletin MS09-006 descrive una triplice vulnerabilità nel kernel Windows che può essere colpita attraverso file di tipo EMF (Enhanced MetaFile) o WMF (Windows MetaFile). La falla, giudicata della massima gravità, è riscontrabile in Windows 2000, XP, Vista, Windows Server 2003 e Windows Server 2008.

Il Microsoft Security Bulletin MS09-007 riporta invece una singola vulnerabilità correlata al pacchetto di sicurezza Secure Channel (SChannel), mentre il Microsoft Security Bulletin MS09-008 descrive quattro vulnerabilità insite in Windows DNS server e Windows WINS server.

Adobe da parte sua rilascia puntuale l’atteso aggiornamento per Acrobat Reader 9, portandolo così alla versione 9.1 e correggendo una falla a rischio exploit segnalata il 19 febbraio e rivelatasi ancor più pericolosa di quanto si fosse inizialmente ipotizzato.

Grazie agli studi compiuti dal ricercatore informatico Didier Stevens, la vulnerabilità è risultata infatti accessibile ad attacchi malevoli anche semplicemente posizionando il mouse al di sopra dell’icona di un file PDF o semplicemente visualizzando la sua anteprima.

Google presenta invece la test build di Chrome 2.0.169.0, nuova versione in grado di garantire al browser una maggiore stabilità correggendo una dozzina di bug e che segue a ruota la release 2.0.168.0, la quale aveva a sua volta ne aveva corretto ben 150.

La versione 2.0.169.0, riservata al momento ai soli sviluppatori, è scaricabile iscrivendosi come di consueto al “Developer preview channel

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!