Sicurezza informatica: il decalogo sotto le feste

di Alessia Valentini

scritto il

Prevenire truffe online, malware, jackpotting e furti di identità anche quando si effettuano acquisti sul web: ecco il decalogo delle regole da seguire per proteggere email, carte di credito e dati personali.

Il periodo delle festività è un vero banchetto per i cyber criminali e mette seriamente a rischio la sicurezza informatica di utenti privati, imprese e professionisti. Complice la fretta con cui si effettuano acquisti online cercando l’occasione dell’ultimo minuto, spesso ci si ritrova al centro di una truffa o di un furto di dati personali foriero di un danno a proprio nome. Per evitare spiacevoli sorprese sotto le feste o contare i danni all’anno nuovo, è necessario conoscere le minacce più comuni che arrivano dalla rete e seguire alcune semplici regole.

=> Sicurezza Informatica: lo speciale di PMI.it

Rischi

L’Italia figura al terzo posto a livello mondiale per quantità di indirizzi IP che inviano spam, circa 856.500.000 (report trimestrale 2014 di Trend Micro).

Gli spammer raramente si accontentano di inondare le vittime di pubblicità o messaggi indesiderati, ma più spesso veicolano malware o puntano a danni da sovraccarico che comportano interruzioni di servizio. Essere vittima di spam non significa solo dover ripulire la casella di posta elettronica, ma anche inconsapevolmente diventare spammer o peggio (qualora il proprio pc infettato diventi parte di una BOTNET).

POS malware

L’Italia si conferma terza anche nella top ten dei paesi con il più alto numero di visite a siti maligni, mentre è seconda al mondo per infezioni malware ai POS che consentono i pagamenti elettronici. È anche uno dei paesi maggiormente colpiti dal crypto-ransomware: un codice maligno con cui spesso i criminali attuano il “cyber-pizzo” criptando i dati personali e chiedendo il pagamento di un “riscatto” per effettuarne lo sblocco (che non sempre avviene anche a fronte del pagamento).

Jackpotting

Fortinet evidenzia invece come sotto le feste incrementino le truffe “jackpotting”, cioè l’hackeraggio dello sportello attraverso la rete con successiva installazione di malware, alla lettura dei dati delle carte e la registrazione del PIN. Ma si verifica anche un picco di finti siti web per vendere prodotti, anch’essi inesistenti. Entrando in queste pagine, si potrebbe finire nella trappola del malware progettato per sottrarre informazioni delle carte di credito.

Truffe online

MCcafee ha anche stilato una lista delle 12 truffe online più frequenti (sebbene il 13% degli utenti Internet non creda ai cyber attacchi, come sottolineano Kaspersky lab e B2B international): si va dalle email di phishing camuffate da notifiche di acquisti effettuati alle pubblicità ingannevoli che sconfinano nella beneficienza fasulla, fino ai siti di e-card di auguri zeppi di malware o delle chiavette usb ricevute in omaggio che potrebbero essere infette, come anche le App fasulle acquisite da siti mirror-malevoli rispetto a quelli veri.  E ancora skimming dei bancomat, finte telefonate da parte di sedicenti responsabili della sicurezza della banca che chiede dati personali e di accesso, o truffe legate ai viaggi di fine anno.

=> Sicurezza nelle PMI a misura di Budget IT

Decalogo

Per contrastare o prevenire la maggior parte delle minacce, frodi e truffe si consiglia di:

  1. Non cliccare sui link contenuti nelle email, verificando mittente, linguaggio utilizzato (spesso mal tradotto e quindi ingannevole), indirizzo del link (che a volte rende evidente il redirect a un sito malevolo) e diffidando di email che annunciano vincite e affari a buon mercato.
  2. Non fornire mai le proprie credenziali di accesso via email o telefono, per qualsiasi servizio sia personale sia aziendale.
  3. Controllare il proprio conto in banca frequentemente in occasione di molteplici acquisti effettuati, per prevenire eventuali doppi addebiti nello stesso punto vendita o altri addebiti a sorpresa che si possono bloccare per tempo dal sito della banca o fisicamente dagli sportelli.
  4. Prelevare soldi da bancomat inseriti all’interno della banca e utilizzare meno possibile quelli esposti su strada (almeno per ridurre il rischio che siano stati manomessi).
  5. Se possibile utilizzare carte di credito ricaricabili oppure carte emesse da un istituto finanziario che offre numeri delle carte di credito ad uso singolo, limitati nel tempo o virtuali.
  6. Installare e tenere aggiornato un antivirus, non solo sul pc di casa, ma su qualsiasi dispositivo (anche smartphone) collegato in rete. Per dispositivi IOS in particolare si possono utilizzare App che rafforzano ulteriormente iphone e ipad, più sicuri  ma non privi di pericoli (ovvero esposti a virus che passano impuniti attraverso Dropbox, malware che utilizzano il jailbreak per infettare il telefono e App ingannevoli che possono danneggiare la privacy).
  7. Effettuare acquisti facendo attenzione che la connessione sia in SSL.
  8. Effettuare acquisti attraverso un browser dedicato che garantisca ricerche anonime, per non lasciare tracce dei propri acquisti e gusti, utilizzabili da eventuali spammers.
  9. Scaricare solo quelle applicazioni per lo shopping che provengono da un App store ufficiale.
  10. Per gli acquisti online e per verificare la veridicità e il livello del servizio si può utilizzare la piattaforma ShoppingVerify, un raccoglitore di giudizi critici e opinioni dei clienti che hanno acquistato da portali di e-commerce di tutto il mondo.

Per approfondimenti: Trend Micro, MCcafee.

I Video di PMI

GDPR: Guida al nuovo Regolamento Privacy