Cisco riordina Linksys pensando alle PMI

di Paolo Iasevoli

scritto il

Una nuova politica di distribuzione e di certificazione dei partner: così la costola di Cisco si appresta a lanciare la sua offerta indirizzata alle Piccole e Medie Imprese

Quando, nel 2003, Cisco acquisì Linksys, probabilmente aveva ben chiaro nei suoi piano lo spazio da riservare alla nuova arrivata.

A San Francisco hanno sapientemente sfruttato il know-how accumulato da Linksys nei prodotti di networking per PMI e uffici, oltre alla pioneristica propensione al Voip: il nome “iPhone”, adesso indissolubilmente legato alla next-big-thing di Apple, fu infatti originariamente registrato proprio da Linksys nel lontano 1996 per un Ip-phone.

Proseguendo nel cammino d’integrazione tra le 2 società, importanti novità si profilano all’orizzonte. Per quanto riguarda la certificazione dei partner, è previsto un sistema incrociato grazie al quale tutti i rivenditori “Elite” di Linksys saranno automaticamente partner riconosciuti da Cisco e, viceversa, i possessori della licenza Cisco SMB Select diventeranno partner Linksys.

L’iniziativa, unita a una strategia di condivsione dei distributori, metterà questi ultimi nella condizione di poter offrire indifferentemente prodotti Cisco e Linksys in base alle specifiche esigenze dei consumatori. Verosimilmente i prodotti di Linksys potrebbero essere quelli più gettonati per le Piccole e Medie Imprese.

Proprio alle aziende con meno di 50 dipendenti si rivolge la nuova piattaforma Connected Office, una soluzione integrata che comprende un sistema di router, switch e software per le PMI. Tra le diverse funzionalità offerte spicca, come da tradizione, la telefonia tramite IP, a cui si affianca una rinnovata formula di supporto tecnico che consentirà ai rivenditori di seguire i propri clienti gestendone le chiamate Voip da un’unica interfaccia centralizzata.