Tratto dallo speciale:

Cloud computing, il futuro del business

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Gli analisti stanno osservando una lenta ma inarrestabile migrazione verso il cloud computing. Il futuro è sulle nuvole, insieme ai dati e alle applicazioni

Il Cloud Computing è ormai considerato come l’unica concreta linea evolutiva del mondo Internet e del panorama ICT.

Questo il punto di partenza delle considerazioni alla base dello studio “Cloud Computing e protezione dei dati personali: la privacy e il web globale, rischi e risorse per i cittadini della Rete”, realizzato dall’ Istituto Italiano per la Privacy.

Dal suo graduale trend di crescita, risulta evidente che nel prossimo futuro il grosso delle informazioni e delle applicazioni finiranno sul server web e fruite via browser.

Si assisterà quindi ad un fenomeno di ampliamento dei data center e alla trasformazione dei tradizionali computer in strumenti di lavoro utilizzati quasi esclusivamente per la navigazione online.

Ci si attende, quindi, maggiore attenzione nella progettazione e sviluppo di data center, sempre più deputati alla gestione di dati strategici e sensibili.

Di conseguenza sarà necessario porre maggiore attenzione sulle norme di sicurezza e tutela della privacy, evitando spiacevoli casi di diffusione non autorizzata o furto delle informazioni stesse. E rendendo il Cloud Computing una realtà organizzativa e gestionale efficace e affidabile, su cui scommettere anche in azienda.

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso