Tratto dallo speciale:

Cloud Computing: anche la Sicurezza Pmi tra le nuvole

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Attraverso il paradigma del Software-as-a-Service e le tecnologie di Cloud Computing, anche la Sicurezza aziendale potrebbe beneficiare di vantaggi gestionali ed economici, in primis nelle Pmi

Il Cloud Computing e la emergente concezione della vendita di software e servizi in versione SaaS (Software-as-a-Service) sono pronti a rivoluzionare anche il mondo della Sicurezza Informatica? Se trasferite sulla “nuvola”, tali soluzioni potrebbero offrire alle imprese benefici nella gestione dei pacchetti software e nel supporto all’istallazione e al deploy.

Lo pensano gli analisti Gartner: il vicepresidente Ray Wagner, all’Information Security Summit di Sydney ha evidenziato come la tecnologia sia ormai matura per sostenere con successo anche la gestione della Sicurezza IT.

I servizi disponibili – che si stima possano sostituire quelli tradizionali entro cinque anni – non sarebbero solo sistemi di scansione antivirus o antispyware, ma complete architetture di firewall, intrusion detection e prevention systems, e sistemi distribuiti di protezione da attacchi di tipo denial-of-service e gateway HTTP.

A beneficiare per prime di questo ampio parco software potrebbero essere le piccole e medie imprese, che non hanno possibilità di investire in sicurezza oppure non dispongono delle competenze necessarie per realizzare in casa sistemi avanzati di sicurezza.