Manager IT, un rischio per la sicurezza aziendale?

di Noemi Ricci

scritto il

Un recente sondaggio evidenzia come il rischio maggiore per la sicurezza aziendale sia rappresentato dagli stessi manager IT: allarme uso improprio dei codici di accesso alle informazioni sensibili?

Secondo i risultati di un recente sondaggio condotto dall’azienda di identity management Cyber-Ark – presentati nello studio Trust, Security & Passwords, sarebbero non solo dipendenti d’azienda ma anche i responsabili IT il veicolo primario per l’ingresso di minacce informatiche nella rete aziedale.

Particolarmente rischioso, infatti, sarebbe il comportamento degli amministratori IT: in base alle risposte fornite da 300 professionisti del settore, 1/3 dei responsabili IT ha libero accesso a documenti aziendali strettamente riservati, grazie alle password in proprio possesso.

Il pericolo? L’88% dichiara di conservare per sè password dei top manager e dei database contenenti materiale confidenziale, anche in caso di licenziamento, con lo scopo di poter continuare ad accedere alle informazioni riservate e strategiche per l’azienda.

Il monito di Cyber-Ark alle aziende è quindi quello di essere più consapevoli attivando specifiche politiche di controllo, al fine di verificare che i codici di accesso a informazioni sensibili vengano utilizzati dagli operatori in maniera corretta.

Infine suggerisce di modificare le password di accesso con frequenza maggiore a quella che viene rilevata nello studio: ogni tre mesi per il 30% dei top manager. Il 9% di loro addirittura non ha mai cambiato alcuna password.

I Video di PMI

Video su Facebook: impariamo dai più bravi