Tratto dallo speciale:

Banda larga: il Catasto delle infrastrutture

di Barbara Weisz

scritto il

In Gazzetta Ufficiale il decreto che istituisce il SINFI, Catasto delle infrastrutture: banda larga meno cara, semplificazioni per gli operatori, tempi e modalità operative.

Velocizzare lo sviluppo delle infrastrutture, in particolare delle reti a banda larga e ultralarga, risparmiando sui costi di posa della fibra: sono le due finalità del SINFI (Sistema Informativo Nazionale Federato delle Infrastrutture) atteso da tempo e ora operativo con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 16 giugno 2016 (Decreto ministeriale 11 maggio 2016). Si tratta di un vero e proprio Catasto delle Infrastrutture che era stato previsto dallo Sblocca Italia del 2014 e poi ulteriormente regolamentato dal Dlgs 33/2016 in recepimento di direttive europee: una banca dati, che mette a disposizione tutte le informazioni sulle infrastrutture sia nel sottosuolo che sopra.

=> Piano Banda Larga al via: 30 Mb ovunque

Il SINFI viene gestito dal Ministero dello Sviluppo Economico. Dal giorno della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, le Pubbliche Amministrazioni hanno a disposizione 180 giorni (quindi fino a metà dicembre 2016), per adempiere agli obblighi comunicativi verso il Catasto delle infrastrutture, mentre per gli operatori il termine è di 90 giorni (quindi, metà settembre). L’allegato A del decreto elenca le infrastrutture sulle quali bisogna fornire i dati:

  • reti di telecomunicazioni;
  • reti elettriche;
  • reti di approvvigionamento idrico;
  • rete di smaltimento delle acque;
  • reti del gas;
  • reti per il teleriscaldamento;
  • oleodotti;
  • reti per la pubblica illuminazione;
  • siti radio di operatori TLC o di emittenti radio-televisive;
  • infrastrutture ad uso promiscuo.

=> Digitalizzazione in crescita: 70% PMI in banda larga

Soddisfazione da parte di Assotelecomunicazioni-Asstel, la cui presidente, Dina Ravera, definisce la misura “innovativa”:

«Rappresenta un indispensabile strumento per i gestori di rete per semplificare gli iter dei progetti di infrastrutturazione, con ricadute positive in termini di costi, tempi di pianificazione e ottimizzazione degli investimenti».

.