Tratto dallo speciale:

Agenzia Italia Digitale: ecco lo Statuto

di Barbara Weisz

scritto il

Operativa l'Agenzia per l'Italia Digitale, con la firma dello Statuto: obiettivo, supportare lo sviluppo dell'Agenda Digitale Italiana innovando la PA, le infrastrutture e i servizi tecnologici per cittadini e imprese.

Obiettivi e finalità, competenze, organi dirigenti: è tutto scritto nello Statuto dell’Agenzia per l’Italia Digitale – istituita dal Decreto Sviluppo (Dl 83/2012, convertito con la legge 134/2012, art. 19) – appena firmato dal Governo.

Ciò conferisce piena operatività al nuovo ente, fra le altre cose deputato a portare avanti le misure dell’Agenda Digitale previste dal Decreto Crescita (Dl 179/2012), fra i cui obiettivi segnaliamo: misure per scuola, sanità e giustizia digitale, impulso alla banda larga e ultralarga, diffusione della moneta elettronica, anche tramite lo sviluppo di tecnologie mobili.

=>Le funzioni dell’Agenzia per l’Italia Digitale

L’Agenzia promuove iniziative strategiche per lo sviluppo della ricerca e dell’innovazione e per la diffusione di tecnologie digitali e infrastrutture nel Paese (nelle pubbliche amministrazioni ma anche fra cittadini e imprese).

Obiettivi generali: politiche di amministrazione digitale, infrastrutture, innovazione tecnologica.

Attribuzioni specifiche (articolo 4 dello Statuto): Piano triennale per l’ICT, linee guida per la sicurezza informatica, omogeneità dei sistemi informativi pubblici per cittadini e imprese, apparati digitali nella PA, attuazione di programmi europei (es.: Horizon 2020). Può stipulare accordi e convenzioni, anche all’estero.

=>Scopri i programmi dell’Agenda digitale

Lo statuto è stato firmato dal Presidente del Consiglio e dai ministri competenti: Corrado Passera (Sviluppo Economico), Francesco Profumo (Istruzione, Università e Ricerca), Filippo Patroni Griffi (Pubblica Amministrazione) e Vittorio Grilli (Economia e Finanze).

«Con l’approvazione dello Statuto – hanno dichiarato i ministri Passera, Patroni Griffi e Profumo – l’Agenzia è pronta a svolgere gli importanti compiti sul fronte dell’innovazione che le sono stati assegnati. Ora abbiamo lo strumento necessario per dare continuità all’attuazione delle strategie e dei principali obiettivi contenuti nell’Agenda digitale italiana ed europea, che consideriamo prioritari per la crescita e lo sviluppo del Paese».

=> Confronta con l’Agenda Digitale Europea

Lo Statuto rappresenta la base giuridica del nuovo ente di diritto pubblico, dotato di autonomia regolamentare, amministrativa, patrimoniale, organizzativa, contabile e finanziaria, composto da Direttore Generale (Agostino Ragosa), comitato di indirizzo, collegio dei revisori dei conti.

Per approfondire, scarica lo Statuto dell’Agenzia per l’Italia Digitale