Tratto dallo speciale:

Welfare as a service: condivisione banca dati INPS

di Teresa Barone

Nuova piattaforma IT per l'interoperabilità dei dati INPS con tutti gli enti della PA: al via il progetto “Welfare as a service”

Ottimizzare la programmazione e gli interventi Welfare in ambito PNRR e politiche sociali, mettendo a disposizione delle Amministrazioni locali e centrali tutta la tecnologia sviluppata nell’arco degli ultimi anni: con questo obiettivo INPS lancia il progetto “Welfare as a service”, illustrato nell’ambito della 39esima edizione dell’Assemblea dell’ANCI.

Il progetto “consiste nella realizzazione di una piattaforma informatica che possa consentire la condivisione delle banche dati, sia a livello nazionale sia locale, coinvolgendo l’Istituto, gli enti locali e le amministrazioni centrali della comunità digitale del welfare.

Le politiche di Welfare in Italia, infatti, sono attuate attraverso una pluralità di strumenti destinati a segmenti differenziati di utenza, individuati sia a livello nazionale sia locale.

Questa frammentazione può rendere difficile determinare l’effettiva efficacia delle azioni generate, pertanto è fondamentale poter avviare iniziative ah hoc per favorire una migliore programmazione degli interventi.

“Welfare As a Service”, nello specifico, è una piattaforma IT che possa consentire a INPS, agli Enti locali e alle PA centrali l’interoperabilità delle banche dati, realizzando un sistema (cruscotto) di analisi descrittive e predittive interistituzionali mirato a supportare i processi decisionali e altre applicazioni utili per l’attuazione delle misure di welfare decise sull’intero territorio nazionale.