Tratto dallo speciale:

Accredito INPS in banca o alle poste: novità dal 10 aprile

di Redazione PMI.it

scritto il

L'INPS attiva la verifica dei dati semplificata per l'accredito in banca o alle Poste delle prestazioni pensionistiche, assistenziali e previdenziali. .

L’INPS adotta una nuova misura per semplificare la gestione delle pratiche per ottenere l’accredito in banca, o alle Poste, delle prestazioni pensionistiche e non. Dal 10 aprile, per evitare gli spostamenti delle persone, è attivata la verifica semplificata, volta a velocizzare la modalità di accertamento della coerenza dei dati dei titolari di prestazioni intestatari di conti correnti, libretti a risparmio e carte prepagate dotate di IBAN.

A partire da questa data non saranno più utilizzati i modelli cartacei da presentare all’INPS, sostituiti con nuove modalità di acquisizione dei dati dei percettori che fanno capo a un sistema denominato “Data Base Condiviso”, verifica la coincidenza dei dati identificativi prima dell’accredito delle somme erogate per conto dell’INPS.

Grazie alla collaborazione tra l’INPS, Poste Italiane e gli Istituti di credito ai quali è affidato il servizio di pagamento delle prestazioni, dunque, è possibile attestare la corrispondenza delle generalità del titolare con quelle del percettore della prestazione utilizzando sistemi informatici ad hoc.

=> INPS online: i pagamenti della disoccupazione

Le nuove misure non riguardano i beneficiari di prestazioni a sostegno del reddito erogate su conti correnti esteri.

I Video di PMI