Tratto dallo speciale:

AEO: nuova procedura telematica al via

di Redazione PMI.it

scritto il

Operatori Economici Autorizzati (AEO): addio alle modalità cartacee di presentazione delle domande, ora solo telematiche.

Hanno preso il via il 1° ottobre 2019 importanti novità per gli Operatori Economici Autorizzati: sono entrati in vigore il formulario elettronico unico e l’interfaccia armonizzata a livello UE attraverso cui presentare le domande di AEO (Authorized Economic Operator) e ITV (Informazioni Tariffarie Vincolanti) e ricevere le decisioni, sempre in formato digitale.

D’ora in poi, dunque, viene meno la modalità cartacea di presentazione all’Autorità doganale competente delle domande per ottenere l’autorizzazione allo status di AEO insieme al questionario di autovalutazione.

=> Servizi digitali per l'export delle PMI

Come presentare domanda telematica

Lo status di AEO serve a certificare una situazione di affidabilità specifica del soggetto richiedente nei confronti delle Autorità doganali. Le Informazioni Tariffarie Vincolanti sono delle decisioni amministrative di rilievo unionale sull’applicazione della normativa doganale, per mezzo delle quali, su richiesta degli operatori economici interessati, le Autorità doganali degli Stati Membri attribuiscono la classificazione doganale ad una determinata merce con l’assegnazione del relativo codice di Nomenclatura Combinata (NC) o Taric.

La novità rientra in un percorso di digitalizzazione dei rapporti tra soggetti privati e Autorità incaricate delle attività di controllo nel commercio internazionale con l’obiettivo di semplificare i rapporti doganali per gli operatori in partnership, a tutto vantaggio dell’intero sistema Paese, per la celerità degli scambi commerciali con il conseguente incremento di competitività.

=> PMI e mercati: le politiche di sostegno all'export

La procedura per la presentazione delle domande AEO dovrà essere eseguita esclusivamente in formato elettronico, collegandosi al Trader Portal appositamente predisposto. Le istanze AEO inviate attraverso canali diversi non saranno accettate.

Lo stesso canale telematico dovrà essere utilizzato da ora in avanti non solo per presentare, scambiare, trattare e archiviare le informazioni relative alle domande e alle decisioni AEO, ma anche per qualsiasi evento successivo che possa incidere sulla domanda o sulla decisione originaria.

Periodo transitorio

Per dare modo agli operatori di adeguarsi alla nuova procedura è stato stabilito un periodo transitorio:

  • se è stata avviata una procedura cartacea prima del 1° ottobre 2019, la stessa deve continuare con la stessa modalità. Le domande cartacee già presentate prima del 1° ottobre e non ancora accettate dovranno essere chiuse entro 60 giorni (29 novembre incluso);
  • se la procedura si avvia dopo il 1° ottobre, dovrà essere telematica e completamente gestita tramite portale.