Brunetta a Villa Rufolo, quando l’hi-tech incontra la cultura

di Barbara Weisz

scritto il

Inaugurato dal ministro Brunetta a Villa Rufolo il sistema multimediale per i visitatori del monumento della costiera amalfitana, a portata di smartphone, nato dalla collaborazione fra il ministero e Hp.

Informazioni sul complesso monumentale e sugli eventi che ospita, la possibilità di guardare le immagini e di accedere ai contenuti multimediali. Tutto a portata di smartphone. È il nuovo sistema di controllo e accoglienza dei visitatori di Villa Rufolo, a Ravello, nel cuore della costiera amalfitana, realizzato grazie alla collaborazione fra il ministero della Pubblica Amministrazione, la Fondazione Ravello e Hp Italia, il partner tecnologico che ha sostenuto interamente le spese del progetto. Un sistema che fino ad oggi era stato sperimentato solo al Cremlino, a Mosca, per realizzare il quale Hp ha speso 350mila euro

Utilizzando il proprio smartphone, con connessione wi-fi, i turisti possono fare un giro virtuale all’interno del monumento duecentesco, con informazioni plurilingue, visitare le gallerie fotografiche, piuttosto che seguire i concerti del Ravello Festival.

Nella villa sono state posizionate bacheche informative con tecnologia web e schermo touchscreen. Infine, un sistema di controllo a distanza con venti telecamere di ultima generazione, posizionate all’interno del monumento, dotate di tutte le tecnologie per renderle il meno invasive possibile.

«L’accordo con Hp dimostra che in questo settore la collaborazione fra pubblico e privato non solo è possibile ma è necessaria» ha sottolineato il direttore di Villa Rufolo, Secondo Amalfitano, aggiungendo che bisogna puntare sui beni culturali «per coniugare le potenzialità dell’hi-tech e il valore della storia e della bellezza».

Sulla stessa linea il ministro della PA, Renato Brunetta, che ha inaugurato il monumento nel fine settimana: «questo è un dono non solo a Ravello ma al mondo intero perchè consentirà di conoscere la città in maniera globale».

Brunetta ha anche annunciato che attraverso l’agenzia Arcus il dicastero stanzierà un altro milione di euro, dopo i 500 mila già spesi l’anno scorso, per il progetto di recupero e valorizzazione di Villa Rufolo: restauro di facciate, bagno turco, teatro, trasformazione della torre maggiore in polo museale e dell’auditorium in sala polifunzionale, realizzazione di una serra fotovoltaica alimentata ad energia rinnovabile.

_____________________________________________

LEGGI ANCHE

Civit: un anno di attività, Brunetta soddisfatto

Brunetta, niente raccomandazioni e concorsi chiavi in mano

Concorso dirigenti PA, Brunetta fa impennare richieste

Brunetta, accordo con Ericsson per l’innovazione

Agenda digitale, Brunetta risponde all’appello

Innovazione, firmata intesa Brunetta-Rossi

WiFi, gratis e immediato all’anagrafe di Milano

Smartphone, gli australiani lo usano anche in bagno