Scuola, domande di mobilità solo online

di Lorenzo Gennari

scritto il

Le domande di mobilità per la scuola primaria e secondaria di primo grado, d'ora in poi, potranno essere fatte solo online

Si chiama “POLIS” (Presentazione On Line delle IStanze) ed è un progetto che ha come obiettivo lo snellimento dei procedimenti amministrativi. La sperimentazione è stata ultimata, con esito positivo, lo scorso anno.

Ora il progetto entra nel vivo e, come prima fase, rende obbligatorio il passaggio al sistema online di presentazione delle istanze di trasferimento dei docenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado.

Che sia solo il primo passo verso nuovi scenari di interazione del personale docente con gli strumenti messi a disposizione dal ministero della Pubblica Istruzione, lo si capisce dai contenuti del nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD) approvato pochi giorni fa dal Consiglio dei Ministri.

La Direzione generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi informativi, in collaborazione con la Direzione generale per il personale scolastico, ha quindi previsto che non debba più essere consegnata la copia cartacea della domanda alla scuola o all?ufficio di competenza, in quanto anche gli allegati saranno trasmessi via web (ad eccezione della documentazione per la quale non è prevista l?autocertificazione come, ad esempio, la certificazione medica L. 104/92).

Sul portale delle istanze on line è stata predisposta, al fine di fornire un adeguato ausilio per la compilazione delle domande, un’apposita sezione riportante la documentazione e le istruzioni operative per procedere con questa modalità.

I vantaggi offerti dalla modalità web vanno dalla possibilità di controllare di persona la correttezza dei dati inseriti nella domanda, quella dei codici meccanografici delle preferenze scelte o il punteggio raggiunto, alla possibilità di ricevere comunicazioni via e-mail/sms o di verificare lo stato di avanzamento della propria domanda.

La registrazione sul portale per il personale docente richiede il possesso di una casella di posta elettronica “@istruzione.it”. Username e password della casella costituiranno infatti le credenziali per accedere ai servizi “Istanze On Line”, successivamente alla registrazione.

I Video di PMI