Conti dormienti, c’è tempo fino al 31 maggio

di Francesca Mancuso

scritto il

Sul sito del Ministero dell'Economia e delle finanze è possibile consultare l'elenco dei conti dormienti, verificati tra il 17 agosto 2007 e il 31 dicembre 2008

Ricomincia la corsa al risveglio dei conti dormienti. Da ieri, infatti, sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze è diponibile l’elenco dei conti dormienti (art. 4, comma 2, del DPR n. 116 del 2007), la cui dormienza è stata verificata tra il 17 agosto 2007 e il 31 dicembre 2008.

Si tratta di 35.426 rapporti non movimentati negli ultimi dieci anni, sia nominativi sia al portatore, che valgono oltre 47 milioni di euro. Grazie al motore di ricerca inserito all’interno del sito, è possibile accedere all’elenco dei conti. La stessa modalità di ricerca era già stata attuata lo scorso dicembre, in occasione della prima attuazione del “passaggio” dei conti dormienti al fondo creato presso il ministero dell’Economia. L’elenco è ancora disponibile sul sito all’indirizzo depositidormienti2008.mef.gov.it, dove è necessario inserire il cognome e il nome dell’intestatario del rapporto dormiente o il nome della banca oppure il numero del rapporto, selezionando la provincia o il Paese estero cui fa capo.

Ci sarà tempo fino al 31 maggio per “risvegliare” il conto. Fino alla data di effettuazione del versamento al Fondo depositi dormienti da parte dell’intermediario finanziario, gli interessati possono rivolgersi all’intermediario stesso per far cessare lo stato di dormienza. Successivamente il denaro passerà al fondo istituito presso il Ministero dell’Economia e destinato a fini sociali. Anche dopo, il denaro dei risparmiatori sarà recuperabile per ulteriori dieci anni, ma tramite un processo più complesso.

I Video di PMI

Coronavirus: misure per la ripresa post Covid-19