Beni culturali, verso l’accesso online

di Roberta Donofrio

scritto il

Brunetta ha firmato un protocollo d'intesa con il ministro dei Beni Culturali per la digitalizzazione del patrimonio culturale. Quattro progetti partiranno entro il 2009

I musei italiani aprono le porte al Web. Grazie all’accordo firmato ieri dal ministro della PA Renato Brunetta e il ministro dei Beni culturali Sandro Bondi, il patrimonio culturale del Bel Paese sarà accessibile online attraverso la digitalizzazione di opere d’arte e documenti.

Il protocollo si inserisce nel piano e-Gov 2012 per l’informatizzazione degli enti pubblici e prevede la realizzazione di quattro progetti: l’implementazione di CulturaItalia, il sito di riferimento per accedere a documenti di archivi, biblioteche e musei; la creazione del portale “I MuseiD-Italia” , che propone percorsi museali virtuali e la riproduzione digitale dei capolavori dei grandi artisti italiani; l’attivazione delle Certificazioni online per fruire del patrimonio vincolato; ed infine, CulturAmica – ESPI 2 protocollo informatico per l’erogazione dei servizi online per l’attività di tutela del patrimonio.

Brunetta garantisce che questi progetti saranno avviati entro l’anno e che, come per le altre attività previste dal programma e-Gov 2012, sarà possibile monitorarne costantemente lo stato di attuazione.

L’operazione avrà un costo complessivo di 8,6 milioni di euro – 4,6 stanziati dal ministero della PA e 4 dal Mibac per un incremento della produttività e dei servizi al cittadino del 30-40 per cento.

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso