eLazio, il portale delle imprese del Lazio

di Lorenzo Gennari

scritto il

Nuova veste grafiche e nuovi servizi per il portale delle imprese laziali realizzato da Filas, la società dedicata al sostegno dei processi di sviluppo e di innovazione del tessuto imprenditoriale della regione Lazio

Migliaia di imprese laziali sono da oggi a portata di mouse con il nuovo sito eLazio.it, realizzato da Regione Lazio attraverso Filas, la sua società dedicata al sostegno dell?innovazione, con il contributo del fondo europeo di sviluppo regionale.

Il portale, rinnovato sia nella grafica che nei servizi, è stato presentato dal presidente di Filas, Flaminia Saccà e dal direttore generale Stefano Turi, alla presenza dell’assessore regionale allo sviluppo economico, ricerca, innovazione e turismo, Claudio Mancini.

Lo stile del sito è molto sobrio, caratteristica che rende la navigazione veloce ed intuitiva. Agevole anche la fruizione di servizi online, che vanno dalle aste semplificate ai seminari, dai bandi di gara alle mappe tematiche: tutto rigorosamente telematizzato.

Grazie a semplici procedure e all’assistenza tecnica offerta da Filas, ogni iscritto a elazio può creare e gestire in completa autonomia, in remoto tramite un collegamento Internet, una homepage dedicata e una vetrina-catalogo di prodotti e servizi.

eLazio è anche un sistema di formazione e informazione, grazie a notizie provenienti dalle istituzioni (locali, nazionali ed europee), dalle camere di commercio e dalle associazioni
di categoria.

«Con questo portale ? ha spiegato l’assessore Mancini ? si mette a disposizione delle imprese uno strumento che ha l’obiettivo di promuovere lo sviluppo della cultura tecnologica e di incentivare la competitività e la capacità d’innovazione del nostro tessuto produttivo».

«Elazio – ha aggiunto Flaminia Saccà – è uno strumento in grado di aiutare le piccole e medie imprese, migliorandone lo sviluppo e la competitività. Elazio si va ad affiancare alle altre misure regionali gestite da Filas in favore delle PMI che non sono solo di supporto finanziario, ma che puntano a semplificare e ad offrire a queste industrie numerose forme di aggregazione e coordinamento con l’obiettivo di potenziare le capacità di crescita del tessuto imprenditoriale che rappresenta il cuore e il fulcro dell’economia regionale».