Il consiglio regionale del Veneto su YouTube

di Lorenzo Gennari

scritto il

Aperto il canale dedicato all'e-democracy del consiglio regionale del Veneto. L'obiettivo è quello di creare nuove aree di partecipazione e animare il dibattito politico e sociale locale. È il primo consiglio regionale presente su YouTube

La politica si è accorta già un da un bel po’ di tempo delle potenzialità della rete e in Italia sono molti i politici che hanno scelto YouTube per poter aumentare la propria visibilità. Il consiglio regionale del Veneto è però il primo organo della Pubblica Amministrazione Locale a creare un canale dedicato alle proprie attività sul celebre sito di video-sharing.

Negli Stati Uniti, YouTube è lo strumento principale che stanno utilizzando i candidati alla presidenza per le rispettive campagne elettorali. Hillary Clinton e Barack Obama tra i democratici e Rudy Giuliani e John McCain per i repubblicani, hanno infatti dichiarato che risponderanno direttamente alle video-domande degli utenti su YouTube.

In Europa, dopo l’esperienza e il successo di “EuTube“, il canale della commissione europea, la politica si sta orientando sempre di più ad utilizzare la possibilità di trasmettere su Internet a costo zero non solamente per propaganda elettorale, ma anche per fornire servizi e informazioni ai cittadini.

È il caso del nuovo canale “Terzo Veneto”, che mette a disposizione degli utenti di Internet i materiali audio video del consiglio regionale veneto. L’idea è quella di sensibilizzare i cittadini, in particolare i giovani, attraverso il Web, per avvicinarli all’istituzione regionale, illustrandone in modo più completo le politiche e le azioni su tematiche sociali di particolare importanza e su temi di interesse generale, aumentandone così la partecipazione.

Per ora i video caricati sono poco più di una decina, ma a breve saranno disponibili nuovi contributi: l’aggiornamento costante del canale è, infatti, una premessa fondamentale per farne un collegamento diretto con i cittadini.

L’iniziativa del canale si inserisce all’interno di un preciso disegno del consiglio regionale del Veneto volto a fare dell’e-democracy un punto di forza delle sue strategie di comunicazione con il cittadino. Il portale “TerzoVeneto”, punto di partenza di ogni iniziativa in questa direzione ha nel frattempo raggiunto grande visibilità: a Giugno 2008 si possono contare una media di 6000 visite mensili per un totale di 25000 pagine visitate.