EDUCITY, il motore di ricerca per le scuole

di Marianna Di Iorio

scritto il

Da un'idea di un professore di Firenze è nato EDUCITY, il primo motore di ricerca rivolto agli studenti delle scuole italiane

Sfruttando Google Co-Op, il servizio innovativo della società di Mountain Views che consente agli utenti di creare motori di ricerca scegliendo i filtri e le fonti, è nato EDUCITY.

Si tratta del primo motore di ricerca dedicato al mondo della scuola: la sua particolarità consiste nel fatto che la ricerca è effettuata soltanto nell’ambito di siti approvati da un team di professori delle scuole italiane.

In questo modo la ricerca è mirata fin dall’inizio. Lo scopo è quello di far risparmiare tempo a studenti e docenti che vogliono utilizzare la Rete, ma spesso accedono involontariamente a siti porno, servizi a pagamento o quant’altro proponga il Web, raggiungendo, soltanto dopo diverso tempo, il loro obiettivo.

In particolare, l’idea è venuta in mente a Marco Gius, un professore nelle scuole superiori di Firenze che un tempo si dedicava all’editoria elettronica.

«Cosa si trova in Educity? Tutto ciò che può essere accettabile e utile per una ricerca scolastica: storia, letteratura, filosofia, geografia, scienze, diritto, economia, eccetera, con la sola eccezione, per adesso, delle lingue straniere. Niente di meno, niente di più. Ovvero niente perdite di tempo a cercare tra mille indirizzi improbabili, niente trappole commerciali, niente spazzatura o siti porno. Insomma nessuna sorpresa negativa da quell’universo ormai imprevedibile e incontrollabile che il web è diventato», così ha spiegato lo stesso Gius.

Oltre alla classica barra di ricerca, dal sito www.educity.it è possibile accedere anche a EDUCITY blog, una raccolta di curiosità e notizie che riguardano il mondo della scuola.