Tratto dallo speciale:

Fatture elettroniche semplificate per i Comuni

di Redazione PMI.it

scritto il

Per le fatture elettroniche emesse dai Comuni sono valide semplificazioni relative alla registrazione dei corrispettivi.

I Comuni possono continuare a beneficiare delle semplificazioni relative alla registrazione dei corrispettivi, anche in seguito all’entrata in vigore dell’obbligo della fatturazione elettronica.

=> Fatturazione elettronica: le novità 2020 in Manovra

L’Agenzia delle Entrate risponde a un interpello avanzato da un ente locale relativamente alla possibilità che l’obbligo della fatturazione elettronica possa far venir meno la semplificazione prevista dalla normativa vigente in merito alla registrazione dei corrispettivi: secondo l’articolo 2 del provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 527125 del 28 dicembre 2018, infatti, è permesso annotare il totale dei corrispettivi riscossi e delle bollette/fatture non oltre il mese successivo a ciascun trimestre solare.

L’Agenzia delle Entrate sottolinea come alle fatture elettroniche si applichino le stesse deroghe previste per i servizi i cui corrispettivi sono addebitati mediante bolletta. Con la risposta all’interpello, infatti, le Entrate precisano che:

Si è dell’avviso che l’assimilazione delle bollette/fatture alle fatture elettroniche – con conseguente obbligo di fatturazione elettronica in capo al Comune istante – non faccia venir meno la loro sostanziale riconducibilità all’ambito applicativo del decreto.

I Video di PMI

Servizi online della PA: credenziali di accesso