Tratto dallo speciale:

Green Pass a Scuola: obblighi, controlli e test a campione

di Redazione PMI.it

scritto il

Anno scolastico al via: obbligo Green Pass esteso a nuovi soggetti, controllo digitale, tamponi salivari a studenti a campione in classi sentinella.

Al via l’anno scolastico 2021-2022 per quasi tutte le Regioni, all’insegna dei nuovi obblighi Covid per il personale scolastico e non solo. A partire dal 1° settembre, lo ricordiamo, docenti e operatori scolastici sono già tenuti a possedere il Green Pass, requisito fondamentale per poter svolgere le prestazioni lavorative (in assenza di certificazione, a partire dal quinto giorno è prevista la sospensione dal lavoro), mentre dall’11 settembre sono scattate le nuove estensioni dell’ultimo decreto per chiunque entri nelle strutture, educative e formative.

=> Green Pass a Scuola: come funziona la piattaforma di verifica online

La piattaforma digitale del Ministero dell’Istruzione, “Verifica Green Pass”, con l’incrocio di informazioni (dati codice fiscale e situazione sanitaria) con i Green Pass abilitati, permetterà ai dirigenti scolastici (ma nella pratica alle segreterie) di verificare la validità del Certificato Verde COVID-19. L’applicazione MIUR – Ministero della Salute è operativa dal 13 settembre: un sistema veloce e per controllare la validità del Green Pass a Scuola a disposizione dei verificatori abilitati dai dirigenti.

Un controllo automatizzato e massivo con la responsabilità resta in capo ai presidi per quanto concerne il personale dipendente, anche in capo ai datori di lavoro per gli operatori esterni. In base all’ultimo DL (il n.122 del 10 settembre 2021, n. 122), dall’11 settembre (data di entrata in fugore del provvedimento, pubblicato in Gazzetta Ufficiale) e fino al 31 dicembre, chiunque entri nelle strutture, educative e formative (compresi corsi serali, centri per l’istruzione degli adulti, servizi educativi per l’infanzia, sistemi regionali di istruzione e Formazione Tecnica Superiore e Istituti Tecnico Superiori e sistema della formazione superiore), dovrà essere dotato di Green Pass,  richiesto anche i genitori che accompagnano i figli nelle scuole d’infanzia. Il Green Pass non è richiesto agli studenti, ma è obbligatorio per coloro che prendono parte ai percorsi formativi degli ITS. In particolare, le disposizioni di cui all’articolo 9-ter si applicano anche al personale:

  • dei servizi educativi per l’infanzia di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65,
  • dei centri provinciali per l’istruzione degli adulti (CPIA),
  • dei sistemi regionali di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP),
  • dei sistemi regionali che realizzano i percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) e degli Istituti Tecnici Superiori (ITS).
Chiunque accede alle strutture delle istituzioni scolastiche, educative e formative è tenuto a esibire la certificazione verde COVID-19. La disposizione non si applica ai bambini, agli alunni e agli studenti nonchè ai frequentanti i sistemi regionali di formazione.

Nel frattempo, si sta ragionando sulla sperimentazione di tamponi salivari, veloci e indolore, da somministrare agli studenti più giovani in ottica di prevenzione. L’idea è di introdurre i test salivari ogni 15 giorni su un campione di classi individuato dalle Regioni per tracciare il contagio fra studenti delle primarie e secondarie (elementari e medie).

Calendario scolastico 2021-2022

Primo giorno di scuola il 13 settembre per 3.865.365 studenti (4.500 scuole su 8.000) delle Regioni Abruzzo, Basilicata, Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Provincia di Trento, Umbria, Valle d’Aosta e Veneto. Anno accademico già avviato il 6 settembre in Provincia di Bolzano. Le lezioni partono il 14 settembre in Sardegna, il 15 settembre in Campania, Liguria, Marche, Molise e Toscana, il 16 settembre in Friuli Venezia Giulia e Sicilia, il 20 settembre in Calabria e Puglia.

Regole Covid

“Il 93% del personale scolastico è vaccinato, ha dichiarato il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi. Non sarà più possibile mettere in DAD una intera regione: se ci fossero rischi si interviene in forma mirata. Saremo chirurgici nelle misure”.