Tratto dallo speciale:

Portale Reclutamento PA ai nastri di partenza

di Redazione PMI.it

scritto il

Portale Reclutamento PA: intesa con Assoprofessioni e Commercialisti per gli elenchi dei professionisti idonei alle collaborazioni sui progetti PNRR.

Il Ministro per la Pubblica Amministrazione ha firmato due nuovi Protocolli d’intesa, uno con Assoprofessioni ed uno con il Consiglio nazionale dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili, che impegnano le parti alla collaborazione per le funzioni di selezione di professionisti esperti da convogliare sul nuovo Portale del reclutamento, finalizzato all’incontro tra domanda e offerta di lavoro pubblico.

A sottoscrivere l’accordo con Assoprofessioni è stato il Presidente Giorgio Berloffa, in rappresentanza delle 19 associazioni aderenti, per un totale di circa 50.000 professionisti appartenenti alle professioni non regolamentate, di cui alla legge 4/2013 (tributaristi, revisori legali, esperti in sicurezza sul lavoro e ambiente, periti e consulenti, ecc.). Per quanto concerne i Commercialisti, ha siglato l’intesa il Presidente Massimo Miani, in rappresentanza dei 120.000 iscritti.

Gli accordi permetteranno di individuare il maggior numero possibile di professionalità da sottoporre alle procedure di selezione comparativa e pubblica indette dalle varie pubbliche amministrazioni, con le modalità semplificate previste dal Decreto PA, per reclutare il personale da impiegare nella realizzazione dei progetti del PNRR (Piano nazionale di ripresa e resilienza).

=> Assunzioni PA: verso il nuovo Portale del Reclutamento

Si tratta del terzo Protocollo per il Ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta, che il 16 luglio aveva siglato la prima intesa con ProfessionItaliane,  che organizza circa 1,5 milioni di professionisti iscritti agli Ordini. Siamo dunque quasi al debutto del Linkedin italiano della PA:

il Portale sarà operativo in via sperimentale per tutto agosto, dal giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della legge di conversione del decreto sul reclutamento nella PA: non si aprono soltanto nuove opportunità di lavoro, ma la possibilità di contribuire alla costruzione di una nuova Italia. Tutti i professionisti, ordinistici e non ordinistici, troveranno nel Portale un luogo di valutazione del mercato.

Il decreto sul reclutamento nella PA, ha ricordato il Ministro Brunetta a margine delle due firme, è a un passo dall’approvazione definitiva e prevede un ampio ventaglio di strumenti per assumere i profili utili al PNRR, dai contratti a tempo determinato agli incarichi professionali.

Io immagino un affiancamento che renda i progetti del Piano anche luoghi di formazione: giovani tecnici neolaureati che lavorano accanto a professionisti con anni di esperienza, assunti con incarichi.