Tratto dallo speciale:

Data scientist e analyst: laurea e carriera

di Redazione PMI.it

scritto il

Il nuovo corso di laurea per formare professionisti tecnici qualificati: Data scientist, Analista di big data e Data analyst.

Formare professionisti dotati di elevate competenze tecniche per soddisfare le richieste di aziende, startup, istituzioni e pubbliche amministrazioni sia in Italia sia oltre confine: con questo obiettivo l’Università LUMSA di Roma promuove il nuovo corso di laurea professionalizzante in informatica e data science.

=> Professioni 2020: ecco i ruoli chiave

Attivo a partire dall’anno accademico 2019-2020, il percorso triennale professionalizzante è quindi pensato per favorire una elevata occupabilità dei laureati, grazie anche alla possibilità di completare il biennio con un intero terzo anno di tirocinio. Il corso di laurea, inoltre, si propone di formare figure professionali altamente qualificate grazie anche alla convenzione con il Consiglio Nazionale dei Periti Industriali (CNPI): Data scientist, Analista di big data e Data analyst.

La richiesta che arriva da un mercato del lavoro europeo e sempre più orientato alle nuove tecnologie – ha sottolineato Claudio Guasco presidente del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali – rende il tema della formazione centrale per il futuro di una professione chiamata ad affrontare una domanda di servizi professionali sempre più qualificata. Per questo la collaborazione con il mondo accademico è indispensabile per garantire una preparazione adeguata al futuro tecnico dell’ingegneria. Con questa convenzione, quindi, non solo rispondiamo all’esigenza di formare professionisti qualificati, ma cerchiamo anche di costruire quel ponte indispensabile fra la teoria tecnica e la pratica professionale, agevolando, grazie al tirocinio nei nostri studi, l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro.

Il nuovo corso di laurea sarà presentato nel corso degli Open Day LUMSA, previsti per il 13 e 23 febbraio 2019 a Palermo e Roma.

I Video di PMI

Ambizione Italia: il progetto Microsoft