Definizione di leadership autentica

di Redazione PMI.it

scritto il

Non temono di mostrare i propri limiti e ammettere gli errori, mettendo in secondo piano il proprio ego: ecco chi sono i leader autentici.

Quando un manager, un dirigente o chiunque rivesta un ruolo di comando riesce a non separare la propria identità professionale da quella personale non ci sono dubbi: si parla di leadership autentica, almeno secondo quanto teorizzato nel 2003 da Luthans & Avolio.

=> Scopri l’identikit del leader carismatico

L’autenticità si deve quindi riflettere sia in ambito professionale sia nella vita privata, pertanto la condotta del leader deve essere caratterizzata da trasparenza, correttezza, autostima e consapevolezza di sé in tutti gli ambiti.

=> Scopri le doti che un capo eccellente deve possedere

Da Forbes apprendiamo alcune qualità proprie dei leader autentici che mettono d’accordo la maggior parte di coloro che hanno teorizzato e scritto sull’argomento:

1. I leader autentici sono consapevoli dei loro punti di forza, dei propri limiti delle loro emozioni. Agiscono seguendo gli stessi principi sia in privato sia in pubblico e non nascondono i loro errori o le loro debolezze per paura di essere considerati deboli.

2. I leader autentici focalizzano la loro attenzione sugli obiettivi da raggiungere, mettendo in secondo piano gli interessi personali e il proprio ego.

=> Scopri come riconoscere il vero leader dalla voce

3. I leader autentici portano non hanno paura di mostrare la loro vulnerabilità e di comunicare apertamente con i loro dipendenti.

4. I leader autentici hanno la capacità di concentrarsi sugli obiettivi a lungo termine, un principio sul quale basano le strategie aziendali mostrando pazienza, tolleranza e rispetto per il lavoro altrui.