Bossing sul lavoro

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Sul posto di lavoro sono molteplici le difficoltà che si possono incontrare oltre al mobbing scopriamo cos'è il bossing.

L’ambito lavorativo si presenta molte volte insidioso e stressante. Ma se tutto ciò si limitasse ad una giornata lavorativa lunga o semplicemente da un sovraccarico di lavoro ciò non sarebbe preoccupante. Purtroppo alcune volte si vanno a verificare situazioni peggiori, si può essere ad esempio protagonisti di fenomeni come il mobbing e il bossing. Il mobbing in confronto al bossing è più conosciuto ma entrambi sono fenomeni gravissimi.

=> Quando lavorare è impossibile

Il mobbing viene effetuato in modo non razionale, il bossing al contrario avviene dopo delle accurate valutazione e viene inoltre perfettamente calcolato. In poche parole il bossing avviene per eliminare una persona indesiderata, purtroppo la maggior parte delle volte viene attuato da quadri e dirigenti. Come il mobbing lo scopo di questa persecuzione è quella di portare il dipendente alle dimissioni

I motivi che fanno un semplice dipendente una persona da eliminare possono essere personali o ad esempio motivi di riduzione del personale. Nell’ultimo caso viene attuato il bossing sopratutto per superare tutti i problemi legati al licenziamento.

=> Rapporto capo-dipendente: come dovrebbe essere?

Si parla di bossing quando:

  • si ricevono minacce;
  • rimproveri immotivati;
  • sabotaggi;
  • quando si viene tagliati fuori da tutto;
  • quando vengono tagliati i rapporti con il proprio capo dal nulla;
  • quando si viene emarginati da tutte le informazione sull’azienda.

Purtroppo quando ci si trova in una situazione del genere è difficile uscirne fuori e combattere da soli questo fenomeno. Questo stato di crisi e stress può portare anche al bisogno di consultare uno psicologo o nei peggiori casi il dipendente ha bisogno anche di un supporto farmacologico.