Advertising online in solida ripresa

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Dopo un 2009 tra alti e bassi, l'Advertising online mostra nell'ultimo trimestre un concreto segnale di ripresa. Il mercato resta però nelle mani di pochi player

La crisi economica non ha risparmiato neppure in mondo dell’Advertising online, che nella prima metà del 2009 ha subito un brusco rallentamento. L’ultimo trimestre dell’anno, però ha mostrato un deciso cambiamento di tendenza, con concreti, seppur contenuti, segnali di ripresa. Il mercato resta però nelle mani di pochi player.

Prendendo come riferimento i dati PriceWaterhouse Coopers, il mercato USA, ha registrato nel 2009 un -3,4% (22,7 miliardi di dollari contro i 23,4 del 2008).

Già a fine anno, tuttavia, a riprova della solidità del mercato della Pubblicità Web, i dati indicano la svolta decisiva: +13,8% rispetto al trimestre precedente.

Analizzando il mercato si scopre che la fetta più cospicua è legata al Search Advertising, che raccoglie il 47% del totale, in aumento del 45% rispetto all’anno precedente. Il Display Advertising ammonta al 35% (+33% rispetto all’anno precedente).

Nel 59% dei casi si tratta di pubblicità basate sulle performance, mentre quelle basate sul costo per impression si fermano al 37%, con un divario che dal 2006 appare in continua espansione.

Nonostante le fluttuazioni e i cambiamenti, il mercato dell’Advertising appare però ancora ancorato ad un ristretto numero di player: ben il 71% del mercato si regge infatti sugli introiti di 10 grandi gruppi.

Tra i maggiori investitori, le catene retail (20% del totale), le compagnie di telecomunicazione (16%,), i servizi finanziari (12%), il comparto automobilistico (11%) e l’IT (10%).

I Video di PMI