OPA: nuovi formati per gli annunci pubblicitari online

di Noemi Ricci

scritto il

Approvati dall'OPA i nuovi formati per gli annunci pubblicitari sul Web, con lo scopo di offrire agli utenti una maggiore interattività e condivisione dei contenuti

Anche la pubblicità punta sul Web per uscire dalla crisi. La Online Publishers Association (OPA) ha infatti approvato una nuova serie di formati per gli annunci pubblicitari online, forse proprio nel tentativo di dare loro nuovo vigore.

Ne dovrebbero derivare soluzioni di advertising online più innovative, creative e coinvolgenti.

Gli obiettivi? Una nuova piattaforma che stimoli la fantasia delle agenzie pubblicitarie e offra agli inserzionisti l’opportunità di fornire esperienze interattive direttamente sui siti web degli editori, senza reindirizzamenti.

Non dovendo più abbandonare il sito in cui si trovano, per andare su quello dell’inserzionista e ottenere maggiori informazioni sul prodotto pubblicizzato, gli utenti vivrebbero un’esperienza migliore e più coinvolgente.

Tre finora i formati individuati dall’OPA a tale scopo:

  • un “fixed panel” da 336×860 pixel fisso all’interno della pagina che scorre con lo scrolling della pagina;
  • una “XXL Box” da 468×648 pixel interattivo e con al suo interno mini pagine e filmati;
  • una inserzione “pushdown” da 970×418 pixel che occupi inizialemente quasi tutta la pagina per poi restringersi e posizionarsi in alto e quindi divenire poco invadente.

I pannelli pubblicitari dovranno inoltre favorire l’interazione con gli utenti e dare loro maggiore scelta di azioni, ad esempio attraverso una casella per segnalare e condividere l’annuncio via posta elettronica.

All’iniziativa hanno aderito nomi del mondo dell’informazione sul Web del calibro di: Bloomberg, CBS Interactive, CNN, Forbes, IDG, MSNBC, The New York Times, Reuters, Time e USA Today.

I primi formati pubblicitari saranno utilizzati entro luglio prossimo a prezzi e tariffe decise individualmente dai membri di OPA.

I Video di PMI

Facebook locations per chi ha più sedi fisiche